Passa ai contenuti principali

Cose Nostre Malavita

Luc Besson lo apprezzo molto come regista, e il solo fatto di aver fatto un film con quella leggenda che risponde al nome di Robert De Niro mi ha fatto drizzare le orecchie non poco.
Mi sono sistemata in poltrona, e ho cominciato a vederlo.
Prima di tutto mi sono trovata davanti un film curioso e intelligente, una commedia che prende spunto da tanti film sullo stesso genere, ma che non scade in stupidi stereotipi.
Luc Besson è per la prima volta alle prese con un film di un genere che ancora non ha toccato, ovvero il film di mafia; e direi che se la cava piuttosto bene sia nella costruzione della trama sia nel coinvolgimento del pubblico.
Un buon prodotto di intrattenimento ha delle precise regole, regole che devono essere rispettate altrimenti c'è il rischio che lo spettatore va via dalla sala.

Del buon prodotto di cui ho parlato sopra, fa parte anche questo film, alla cui produzione c'è un mio regista preferito: Martin Scorsese, e vi sembra un caso se lo stile del film ricorda quello del buon Marty?
Assolutamente no, e sapete perchè? Perchè innanzitutto è infarcito di molta ispirazione, e anche citazioni, stilisticamente lontanissimo dal suo solito stile, eppure il film funziona.
Funziona perchè non è banale è costruito molto bene, con una regia che non pretende di essere un capolavoro, o inserire innovazioni, ma seppur con questi presupposti, riesce ad essere preciso, pungente e incisivo.
Non si può nemmeno parlare di parodia, ma tiene presente le personalità dei protagonisti, e soprattutto le loro abitudini, che nonostante siano emigrati in francia grazie a un programma di protezione dei testimoni dell FBI, quelli che sono restano.
Accanto a De Niro, troviamo Michelle Pfeiffer, per la prima volta al fianco del grande attore italoamericano, nel ruolo della moglie, per i figli abbiamo Dianna Agron - conosciuta per il ruolo di Quinn Fabray nel serial Glee - che interpreta Belle Blake e John D'Leo nel ruolo di suo fratello Warren Blake.

Che altro c'è da dire? Che questa famiglia, nonostante le abitudini, la vita normale delle persone oneste va un po' stretta, ma in america ci sta un parente, che non ha mai smesso di cercarli, che succederà se li beccherà in pieno dopo che Fred ha ammazzato  tutti i suoi parenti? Riusciranno a scamparla oppure devono cambiare di nuovo destinazione?
In conclusione, da non perdere.
Voto: 7



Commenti

  1. Da Besson ci si dovrebbe aspettare ben altro che un filmino minimale e poco consistente come questo. Non puoi dire che è brutto, ridere fa ridere, però onestamente è un compitino svolto svogliatamente e poco sopra la sufficienza. L'ho visto poco tempo fa e già non lo ricordo più...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.