Passa ai contenuti principali

A Royal Affair

Ok, ecco l'ennesimo film polpettone che parla di amori e tradimenti delle famiglie reali, si ad alcuni potrebbe anche piacere, a me ha annoiato a morte.
Credo anche di non essere la sola a pensarlo, perchè purtroppo se da una parte la ricostruzione storica è impeccabile, dall'altra prevale una costruzione della trama che non si cura delle emozioni del pubblico...grosso sbaglio.
Si lo so, ora mi dite è un film europeo, ma come li guardi tu i film? Oh ragazzi non è che ognuno davanti a un film ha le stesse reazioni, per carità, quindi non prendete per oro colato solo le mie parole, potete anche criticarle non mi offendo mica sempre che la vostra critica sia ovviamente costruttiva.
Ma andiamo a noi, c'è l'attore de Il Sospetto Mads Mikkelsen, che è uno dei motivi per cui vale la pena di vedere il film.

La trama racconta del re Christian VII che sposa sua cugina, la principessa Caroline Mathilda, sorella di Giorgio III. L'instabilità mentale del sovrano comincia a farsi sentire già dai primi giorni di nozze, il re usa sua moglie solo per metterla incinta, il resto del tempo lo passa sotto le gonne delle altre donne, come medico del re viene scelto Johanne Friederich Struensee, un medico dalle idee illuministe, che vengono appoggiate dal suo stesso paziente, fino a quando non nasce l'amore tra il medico e la regina, e egli viene esiliato per così dire dalla danimarca insieme alla regina, da un delirante re.
Con un plot del genere si poteva fare un grande, grandissimo film, e invece si è puntato a raccontare gli eventi esattamente come sono avvenuti, ma ci vuole emozione coinvolgimento, che tradotti sullo schermo sono pari a zero! Oddio avvolte sembra di bestemmiare, ma è solo il mio parere.
In conclusione è un film stereotipato dal tono documentaristico, che sarebbe stato un capolavoro se solo ci fosse stata non tanto l'emozione e il coinvolgimento, ma quel pizzico di magia che il regista è incapace di dare alla sua opera, peccato.
Voto alla ricostruzione: 8
Voto al plot e coinvolgimento: 4


Commenti

  1. a me è piaciuto molto, mi ha coinvolto e non sono appassionatissimo di polpettoni storici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me per niente, l'ho trovato superficiale...

      Elimina
  2. pur non essendo un patito del genere, a me invece a sorpresa non ha annoiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film manca di emozioni, il coinvolgimento è inesistente...

      Elimina
  3. Per me bellissimo. Mi ha addirittura ricordato Barry Lyndon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ma tra questo e Barry Lindon c'è un abisso...

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.