Passa ai contenuti principali

A Royal Affair

Ok, ecco l'ennesimo film polpettone che parla di amori e tradimenti delle famiglie reali, si ad alcuni potrebbe anche piacere, a me ha annoiato a morte.
Credo anche di non essere la sola a pensarlo, perchè purtroppo se da una parte la ricostruzione storica è impeccabile, dall'altra prevale una costruzione della trama che non si cura delle emozioni del pubblico...grosso sbaglio.
Si lo so, ora mi dite è un film europeo, ma come li guardi tu i film? Oh ragazzi non è che ognuno davanti a un film ha le stesse reazioni, per carità, quindi non prendete per oro colato solo le mie parole, potete anche criticarle non mi offendo mica sempre che la vostra critica sia ovviamente costruttiva.
Ma andiamo a noi, c'è l'attore de Il Sospetto Mads Mikkelsen, che è uno dei motivi per cui vale la pena di vedere il film.

La trama racconta del re Christian VII che sposa sua cugina, la principessa Caroline Mathilda, sorella di Giorgio III. L'instabilità mentale del sovrano comincia a farsi sentire già dai primi giorni di nozze, il re usa sua moglie solo per metterla incinta, il resto del tempo lo passa sotto le gonne delle altre donne, come medico del re viene scelto Johanne Friederich Struensee, un medico dalle idee illuministe, che vengono appoggiate dal suo stesso paziente, fino a quando non nasce l'amore tra il medico e la regina, e egli viene esiliato per così dire dalla danimarca insieme alla regina, da un delirante re.
Con un plot del genere si poteva fare un grande, grandissimo film, e invece si è puntato a raccontare gli eventi esattamente come sono avvenuti, ma ci vuole emozione coinvolgimento, che tradotti sullo schermo sono pari a zero! Oddio avvolte sembra di bestemmiare, ma è solo il mio parere.
In conclusione è un film stereotipato dal tono documentaristico, che sarebbe stato un capolavoro se solo ci fosse stata non tanto l'emozione e il coinvolgimento, ma quel pizzico di magia che il regista è incapace di dare alla sua opera, peccato.
Voto alla ricostruzione: 8
Voto al plot e coinvolgimento: 4


Commenti

  1. a me è piaciuto molto, mi ha coinvolto e non sono appassionatissimo di polpettoni storici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me per niente, l'ho trovato superficiale...

      Elimina
  2. pur non essendo un patito del genere, a me invece a sorpresa non ha annoiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film manca di emozioni, il coinvolgimento è inesistente...

      Elimina
  3. Per me bellissimo. Mi ha addirittura ricordato Barry Lyndon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ma tra questo e Barry Lindon c'è un abisso...

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.