Passa ai contenuti principali

Cinefilia come nasce una passione? Articolo Speciale

Quella meravigliosa estate del 1994

Si esattamente nel 1994 nasce ufficialmente la mia grande voglia di ricercare e di approfondire autori con la A maiuscola, naturalmente iniziai subito con David Lynch che famelicamente collezzionavo qualsiasi cosa, da articoli, (ho ancora il diario di Laura Palmer che ci mancano pagine regalato da tv sorrisi e canzoni) a videocassette, a riviste etc etc etc...la mia curiosità su Lynch in particolare crebbe a tal punto che non mi bastava mai il materiale cartaceo, dovevo avere qualcos'altro per rendere la mia passione e soprattutto la mia cultura degna di essere con la C maiuscola.
Naturalmente adesso con internet posso fare tutte le ricerche che voglio, ma torniamo a quella meravigliosa estate, anno in cui recuperai anche Tim Burton, così divenni una cinefila in erba, ufficialmente, e iniziò così la mia grande avventura con il cinema, organizzai anche rassegne dedicate a Lynch ovviamente erano private (ero l'unica presente) dove guardavo tutti i suoi film e ovviamente anche twin peaks, che ora ho sia in dvd divx e vhs la serie completa), tutto comincia con il film fuoco cammina con me, che considero uno dei film che hanno segnato la mia vita (dopo shining merita il secondo posto tra gli horror preferiti), voi dite c'è stato solo lynch, come dissi prima recupererai anche Tim Burton grazie anche al primissimo batman datato 1989 da lui diretto e con le canzoni dell'allora mio idolo Prince, 
  E così Lynch e Burton sono diventati i miei primissimi registi preferiti, io strafelice avevo vent'anni ed ero entusiasta dall'idea di collezionare e visionare i film di questi due straordinari registi, ma naturalmente non mi sono fermata qui, sono arrivati Martin Scorsese, e anche Francis Ford Coppola, poi anche Woody Allen e Kenneth Branagh, ma loro sono arrivati l'anno dopo, insomma niente male come inizio no? 


La scoperta di Scorsese è avvenuta con il film l'età dell'innocenza in cui vidi in tv l'anteprima mondiale (era lo speciale) di Venezia, mi incuriosì anche il fatto che fosse un film in costume e io fino ad allora non avevo mai e dico mai visto o collezionato un film in costume, così quando uscì in videocassetta lo noleggiai e poi lo comprai, perchè rimasi conquistata dalla storia e dai personaggi, naturalmente poi arrivò il capolavoro quei bravi ragazzi, e Cape Fear con uno straordinario De Niro...


Francis Ford Coppola è un autore che ultimamente ho riscoperto, e che devo assolutissimamente approfondirlo meglio, perchè? Perchè dopo il mitico Dracula, film che adoro e che mi è piaciuto un sacco e che ho visto la prima volta il 10 dicembre del 1994 ho ingiustamente messo da parte sottovalutandolo hehehehe tutta presa da Scorsese e dagli altri grandi autori ho - ed è colpa mia - sottovalutato, ebbene dopo la visione dello straordinario  - per me è un capolavoro assoluto per il resto solo un film sopravvalutato non so perchè ma mi è piaciuto tantissimo- un altra giovinezza mi è entrato nel cuore ho riscoperto un grandissimo autore, uno che veramente ha fatto la storia del cinema, guardare per credere apocalypse now redux, i ragazzi della 56a strada, poi anche la conversazione, e ancora cotton club, Jack, l'uomo della pioggia, e ancora Tetro, che ho recensito anche qui qualche tempo fa, un autore sensazionale, un genio assoluto del cinema, i suoi film sono tutti da collezionare e guardate che ne vale la pena assolutamente.

Da Lynch fino alle stelle, l'amore per il cinema non finisce mai, avvolte sto in pausa e mi guardo qualche telefilm, altre volte stacco per guardare film, perchè non c'è medicina migliore per un cinefilo dopo aver visto un film è il vederne un altro, solo così certe volte si calma la fame di cinema, ma la cinefilia se è vera e pura quella non passa mai, sto prendendo la decisione di continuare gli studi per poter fare belle arti e studiare cinema, magari comprandomi una videocamera e iniziando con i primi corti chissà...

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.