Passa ai contenuti principali

State of a Play

Un Thriller che non lascia respiro, sin dalle prime inquadrature, uno script scritto benissimo tratto da una serie tv.
La storia si concentra sull'omicidio di una ragazza, che dapprima sembra un suicidio, ma prima viene ucciso un giovane pizzaiolo da un ladro che ha preso una valigietta...
Il giovane politico Stephen Collins sconvolto dalla notizia chiede al suo amico giornalista integgerrimo che non si arrende per scoprire la verità di indagare sulla morte della ragazza che era una giovane ricercatrice del suo staff con cui aveva una relazione, le ricerche si rivelano difficili e rischiose il giornalista Cal McAffrey si fa aiutare dalla giovane collega Della Fraye, ma per cercare la verità dovranno scavare molto a fondo rischiando persino la loro vita, tra inseguimenti, rivelazioni e continui colpi di scena che hanno il potere di incollare lo spettatore davanti allo schermo, non tutto è come sembra, tutti sono sospettati, non c'è un attimo di tregua, e coloro che consideriamo amici possono nascondere qualcosa di sconvolgente nel loro armadio.
Kevin McDonald dopo l'ultimo re di scozia, dirige un thriller politico di stampo hitchcockiano, con attori bravissimi tra cui spicca uno stupefacente Russell Crow e una sempre brava Helen Mirren, la lezione di Hitchcock si legge e si nota per tutto il film, in cui nessuno sembra innocente e tutti hanno qualcosa da nascondere, per quale motivo Sonia è stata uccisa? E da chi? Che legame c'era con Stephen? Sono questi gli interrogativi che lo spettatore si pone durante la visione del film e che vengono alla luce dallo sconvolgente finale a sorpresa in cui ogni pedina va al giusto posto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.