Passa ai contenuti principali

Basta che funzioni

Woody Allen torna alla commedia, e che commedia, innanzitutto ha come alter ego un genio Boris, che anni prima è stato vicino dall'avere il premio nobel per la scienza, e ora passa il suo tempo insegnando ai bambini a giocare a scacchi, trattandoli piuttosto male, e a incontrarsi con gli amici per parlare del più e del meno, bevendo e cazzeggiando, lui però zoppica per aver tentato il suicidio dopo che la moglie lo ha lasciato, la sua vita compie una virata quando a incrociare la sua strada arriva una ragazza di ventuno anni Melody, che rimane affascinata da Boris e si trasferisce a casa sua, i due iniziano una convivenza dissacrante in cui la ragazza il più delle volte deve fare da "infermiera" a Boris e lo deve accudire, soprattutto quando ha le sue crisi di panico, la ragazza invece di ascoltare la sua musica preferita deve far contento Boris e ascoltare Beethoven, va tutto per il meglio, finchè non arrivano prima la madre che sembra innocentina, con il suo completo color confetto, ma poi arriva a vivere con ben due amanti e cerca in tutti i modi all'inizio invano, di convincere la figlia a stare con un ragazzo giovane come lei, poi arriva il padre che piantato dalla sua seconda moglie cerca di riconciliarsi con la prima moglie ma invano, i due si incontreranno nel bel mezzo di una mostra di collage di nudi fatti dalla donna che dice al marito di vivere con due uomini che adora, due uomini che in realtà sono i suoi due amanti, quando la ragazza incontra il giovane con cui la madre voleva che la figlia stava insieme a lui, scocca la scintilla, Boris tenta un altra volta il suicidio, ma atterra su un altra donna, donna che lui porta in ospedale e con cui scoccherà la scintilla, Melody gli confessa di amare il ragazzo e si lasciano poco prima che lui tenta il suicidio, e il padre della ragazza confessa la sua tristezza per la moglie che lo ha abbandonato a un altro uomo...non vi dico altro per non rovinarvi la sorpresa...
Woody Allen scrive e dirige una commedia, interessante, dissacrante, sui rapporti d'amore, in modo acuto, pungente un film carinissimo e consigliatissimo, che pur restando privo di virtuosismi registici (Woody Allen non ama le sperimentazioni, ma si concentra sui rapporti umani) e che è rimasta nel cassetto per trent'anni e che è stata scritta per Zero Mostel, attore morto nel 77 dopo l'uscita di Io e Annie. In fin dei conti non importa di chi ti innamori o con chi stai, basta che funzioni...è questa la filosofia del film, ottimo.

          

Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…