Passa ai contenuti principali

Adam Resurrected

Ci sono tantissimi films sull'olocausto, tutti più o meno toccanti, Adam Resurrected diretto da Schrader, dimostra di essere una pellicola che va aldilà delle facili emozioni, protagonista un grandissimo Jeff Goldblum (sapevo fosse bravo, ma così bravo neanche lo immaginavo) che da solo VALE la visione del film, un ebreo un tempo e soprattutto prima della guerra faceva il cabaret, una volta scoppiato il secondo conflitto mondiale viene portato nel campo di concentramento e costretto a vivere e a comportarsi come un cane da un ufficiale nazista, cosa che gli causerà non pochi traumi, soprattutto quando vede la moglie e la figlia andare nella camera a gas ed è costretto a suonare il violino, scena tra le più terrificanti mai viste.
Adam Resurrected è un film crudo, spietato, che non lascia spazio alle facili emozioni, ma fa riflettere sulla natura umana, e sull'abominio che riduce gli esseri umani, ad animali, succubi, terrorizzati - agghiacciante quando Adam viene costretto a mangiare il boccone del cane - talmente sottomessi da non riuscire nemmeno a urlare, facendoli sentire come fossero in gabbia, senza una via d'uscita.
Dopo la guerra, Adam viene portato in un ospedale psichiatrico dove vi trova un bambino che si comporta come un cane, abbaia, è aggressivo, sapendo della sua esperienza, Adam cerca in tutti i modi di fare superare il trauma al bambino, e questo lo aiuterà non poco, anzi moltissimo, perchè grazie a quel bambino e grazie a lui, riusciranno a gardarsi come fossero in uno specchio, nel profondo del loro trauma che è praticamente identico riuscendo a superarlo, Adam aiuterà quel bambino molto meglio di come farebbe un medico, e facendo questo guarisce se stesso.
Grandissimo film, grandissimi Jeff Goldblum e Willem Dafoe, che nel ruolo dell'aguzzino nazista farebbe terrorizzare chiunque, riesce ad essere spietato e crudele come fosse una trasfigurazione del personaggio, ma Jeff Goldblum merita per questa interpretazione una standing ovation, nonostante il trucco che lo rende quasi irriconoscibile, consigliatissimo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.