Passa ai contenuti principali

I racconti del Cuscino

ohibò che abbiamo qui? Il mitico Peter Greenaway che ritorna alla fabbrica con I racconti del cuscino, un film particolare, che è ambientato in giappone.
La storia è tratta da un antica leggenda giapponese che narra le gesta di una donna che sin scrive sulla pelle dei suoi amanti.
L'eroina di questo film è una ragazza in cerca di vendetta dopo la morte del suo amante.
E' anche la storia di una donna che fin da piccola il padre le scriveva gli auguri sul volto, la tradizione continuò finchè non si risposò.
Da allora la giovane si fa scrivere racconti sulla pelle, e lo stesso fa lei con i suoi amanti, fino a quando conosce un giovane inglese di cui si innamorerà la cui morte sarà la spirale di vendetta che non cesserà finchè non sono morti tutti quelli che le hanno tolto l'uomo che amava.

Un film unico.
Cos'altro dire dopo la visione di questo straordinario esempio di grande cinema?
Peter Greenaway è un genio punto.
Mi fa impazzire il suo cinema così sofisticato, complesso e originale.
Mi da l'impressione di assistere a ben più di un semplice film, non so spiegarlo con parole semplici, una riflessione sull'amore e sulla vendetta che rasenta il cinema alto.
WOW sono felice di aver visto questo film e potervene parlare stasera.
Scusate l'assenza ma visto l'impegno che sto mettendo per scrivere il mio romanzo ogni tanto devo mettere il blog in stand by, ma sapete che poi vi vizio con tantissime recensioni.
Comunque questo film è bellissimo per palati particolari vi avviso ma sono sicura che lo apprezzerete molto soprattutto se amate il cinema erotico dato le scene molto sensuali
Menzione speciale al giovanissimo Ewan McGregor che appare nel film nel ruolo dell'amante della protagonista.
Mi è piaciuta l'atmosfera orientale, sapete che ho un debole per il cinema orientale, a cui l'anno scorso e spero vivamente anche quest'anno di poter riprenderlo e mostrarvi altre chicche provenienti dal sol levante.
Io ho messo questo film nei miei cult assoluti ormai
Perchè è un film che non si dimentica facilmente, una volta visto ti entra nel cuore e non esce più.
CONSIGLIATISSIMO
Voto: 8 e 1/2


Commenti

  1. Mi manca ma non sembra niente male, grazie per la dritta ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.