Passa ai contenuti principali

Youth la Giovinezza

Un film sulla vecchiaia, diretto da Paolo Sorrentino.
Decisamente un opera complessa, se paragonato a La Grande Bellezza di cui questo film non è il proseguimento, ma una storia a parte.
Protagonisti sono due uomini che raggiunta la vecchiaia potreste pensare vogliono restare giovani, e invece no; loro si rendono conto che il loro tempo è finito, e non possono tornare indietro, così ripensano alla loro giovinezza, da cui il film di Paolo Sorrentino ne  ha carpito il titolo.

E' un film malinconico.
Ma è anche un film sulle occasioni perdute, sulle cose ormai che non si possono più avere, su quella voglia costante di carpire il midollo della vita nonostante la consapevolezza di avere ormai un piede nella fossa sia più sicura di ogni cosa che si immagina.
Quindi potremo semplicemente dire che Yourth è un film sulla nostalgia, di quando si è giovani e si ha la sensazione di avere molto tempo davanti a noi, si ha anche la consapevolezza che non esistano limiti, quegli stessi limiti che ormai i nostri protagonisti sono ormai giunti al capolinea non vogliono accettare.
Decisamente un opera maiuscola, che senza alcun dubbio mi ha sorpreso molto.
Ebbravo il nostro Paolino, che ha dimostrato che il cinema italiano ha ancora tanto da dire e soprattutto da dimostrare.
Nonostante gli attori internazionali tra cui spiccano anche Jane Fonda, Michael Cane  Harvey Keitel e Rachel Weisz.
Ma oltre il cast internazionale è un film che lascia assaporare l'amaro e acre odore della vecchiaia, che non lascia spazio ai due protagonisti forse, il primo è un musicista che ha perduto la speranza, il secondo  è un regista ormai al tracollo.
Oltre questo Youth La giovinezza è un film sull'illusione, che viaggia attraverso lo spazio ridotto della sua durata, di come ci si illude che il tempo non finisca mai, anche se ormai siamo giunti al capolinea della nostra esistenza, di come la speranza non tramonti, o si crede che non tramonti mai.
Ho avuto l'impressione di un elegia funebre alla vita, agli errori che si commettono ai rimpianti, a ciò che poteva essere ma non è stato, a ciò che si poteva costruire, ai sogni infranti ai cuori spezzati e tanto altro ancora.
Stavolta Sorrentino ha fatto un grande film, anche se con il suo precedente ha vinto l'oscar non si è istituzionalizzato anzi, ha fatto udire la sua voce, e questo signori miei è una cosa più unica che rara.
Voto: 8


Commenti

  1. Un giorno riuscrirò anche a trovare il tempo di vederlo giuro! ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.