Passa ai contenuti principali

Youth la Giovinezza

Un film sulla vecchiaia, diretto da Paolo Sorrentino.
Decisamente un opera complessa, se paragonato a La Grande Bellezza di cui questo film non è il proseguimento, ma una storia a parte.
Protagonisti sono due uomini che raggiunta la vecchiaia potreste pensare vogliono restare giovani, e invece no; loro si rendono conto che il loro tempo è finito, e non possono tornare indietro, così ripensano alla loro giovinezza, da cui il film di Paolo Sorrentino ne  ha carpito il titolo.

E' un film malinconico.
Ma è anche un film sulle occasioni perdute, sulle cose ormai che non si possono più avere, su quella voglia costante di carpire il midollo della vita nonostante la consapevolezza di avere ormai un piede nella fossa sia più sicura di ogni cosa che si immagina.
Quindi potremo semplicemente dire che Yourth è un film sulla nostalgia, di quando si è giovani e si ha la sensazione di avere molto tempo davanti a noi, si ha anche la consapevolezza che non esistano limiti, quegli stessi limiti che ormai i nostri protagonisti sono ormai giunti al capolinea non vogliono accettare.
Decisamente un opera maiuscola, che senza alcun dubbio mi ha sorpreso molto.
Ebbravo il nostro Paolino, che ha dimostrato che il cinema italiano ha ancora tanto da dire e soprattutto da dimostrare.
Nonostante gli attori internazionali tra cui spiccano anche Jane Fonda, Michael Cane  Harvey Keitel e Rachel Weisz.
Ma oltre il cast internazionale è un film che lascia assaporare l'amaro e acre odore della vecchiaia, che non lascia spazio ai due protagonisti forse, il primo è un musicista che ha perduto la speranza, il secondo  è un regista ormai al tracollo.
Oltre questo Youth La giovinezza è un film sull'illusione, che viaggia attraverso lo spazio ridotto della sua durata, di come ci si illude che il tempo non finisca mai, anche se ormai siamo giunti al capolinea della nostra esistenza, di come la speranza non tramonti, o si crede che non tramonti mai.
Ho avuto l'impressione di un elegia funebre alla vita, agli errori che si commettono ai rimpianti, a ciò che poteva essere ma non è stato, a ciò che si poteva costruire, ai sogni infranti ai cuori spezzati e tanto altro ancora.
Stavolta Sorrentino ha fatto un grande film, anche se con il suo precedente ha vinto l'oscar non si è istituzionalizzato anzi, ha fatto udire la sua voce, e questo signori miei è una cosa più unica che rara.
Voto: 8


Commenti

  1. Un giorno riuscrirò anche a trovare il tempo di vederlo giuro! ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…