Passa ai contenuti principali

Salvate il soldato Ryan

                                                          Riguarda & Recensisci

Dopo una ulteriore lunga settimana, ritorno a recensire alla fabbrica, e devo farlo più spesso dato che non è giusto trascurare il blog.
Comunque sia si ritorna con la rubrica Riguarda e recensisci che quest'oggi seleziona uno dei capolavori dello zio Steve...Salvate il soldato Ryan.

Lo dico fin da subito, non è un film per tutti, soprattutto lo sbarco ad Omaha Beach è per stomaci forti e guardate che non scherzo.
Qui Spielberg decide di mettere da parte le fiabe con cui si è fatto conoscere al grande pubblico e dirige un vero film bellico al cento per cento.
La storia è quella di un soldato che deve essere salvato e riportato a casa perchè è l'unico figlio rimasto, i suoi fratelli sono tutti morti in guerra.
Ad occuparsi della missione sarà un altro soldato, che farà di tutto affinchè quel giovane ritorni a casa dalla sua famiglia a costo da perderci pure la vita.

Un grande, grandissimo film.
Da molti considerato patriottico per via della visione della bandiera americana all'inizio film, e anche se c'è la bandiera americana non è certo questo il motivo cardine per valutare questo film che resta uno degli ultimi capolavori di questo grandissimo regista, prima che si perdesse in film pacchiani.
Spero in un suo ritorno al grande cinema perchè quando si mette a fare grandi film come questo mostra tutta la sua capacità di dirigere film.
Questo come La Lista di Shindler resta uno dei picchi più alti della sua carriera, se il precedente film lo ha consacrato, questo ne ha confermato maggiormente la consacrazione rendendo l'opera maiuscola, come una dimostrazione al pubblico di essere ossessionato dalla seconda guerra mondiale.
Se Shindler's List raccontava il dramma della Shoa, questo racconta un altro lato della seconda guerra mondiale, dal punto di vista degli americani però, con lo sbarco in normandia che ha messo fine al secondo sanguinoso conflitto mondiale.
Cos'altro dire se non capolavoro?
IMMENSO.
Voto: 9



Commenti

  1. Spielberg e la sua versione de "I 7 samurai" peccato si perda un pò in retorica, resta un film meraviglioso ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.