Passa ai contenuti principali

Breaking Bad Stagione 1

Oggetto strano questo Breaking Bad, anni fa vidi il primo episodio in streaming poi l'abbandonai dicendo che in seguito l'avrei visto, quando ho deciso di vederlo mi resi conto di aver davanti un serial decisamente diverso dagli standard di cui di solito sono abituata.
Dire oggetto strano per un telefilm come Breaking Bad è un complimento, perchè innanzitutto dobbiamo dire che è entrato in punta di piedi nella mia vita, ed episodio dopo episodio è riuscito a crearsi un posto speciale nel mio carnet di serial televisivi preferiti: ormai è un cult a casa Lynch.
Walter White è un personaggio di quelli che non colpiscono subito a primo colpo, ma che piano piano ti entrano dentro riuscendo ad empatizzare con lo spettatore tramite la sua vita, che per altro è assai difficile e complessa; lui professore di chimica che si ritrova improvvisamente malato di cancro ai polmoni cerca in tutti i modi di provvedere alla sua famiglia, affinchè non rimanga col culo a terra: e come?
Semplice, tramite una operazione con il cognato che lavora alla DEA, si rende conto che un suo ex studente cucina la metanfetamina, allora si offre di entrare in società con lui, stabilendo un rapporto simile a quello tra padre/figlio.
Qui ci troviamo davanti a un telefilm davvero tosto, uno di quelli che potremmo definire sin da subito un capolavoro assoluto, e la prima stagione è soltanto l'inizio, i primi sette episodi lasciano presupporre una specie di anteprima di quello che sarà il telefilm vero e proprio - e la seconda stagione arriverà a brevissimo - e la cosa lascia decisamente una curiosità immensa da parte della sottoscritta.
Primo perchè abbiamo di fronte un uomo normale, che potremmo semplicemente definire uno di noi, chi non si riconosce in Walter White magari è un plurimiliardario che non ha problemi, invece qui abbiamo un uomo, la cui moglie è in cinta, e ha un figlio ritardato, ci sono dei momenti particolarmente toccanti, chi non si ricorda di quando il figlio di Walter che fa fatica a muoversi e deve camminare con le stampelle e ci sono tre imbecilli che ci ridono su, e Walter che li pesta letteralmente davanti alla moglie?
Quella è la mia parte preferita.
E quando litiga con il suo ex alunno e lo manda a fare in culo - scusando il termine - per poi tornare?
Come posso non promuovere in pieno questa meraviglia di telefilm?
Ditemelo voi? xD
La seconda stagione comincierà prestissimo e non vedo l'ora di parlarvene.
Per me è un capolavoro punto, senza sè e senza ma.
Voto: 9
Mercoledì Prossimo c'è la Quinta Stagione di The Vampire Diaries


Commenti

  1. Una delle mie serie preferite, e la prima stagione non è di certo la migliore ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me la prima stagione anticipa ciò che sarà in futuro questa grande serie tv...non vedo l'ora di riprenderla ^_^

      Elimina
  2. Che dire, abbiamo avuto un approccio simile.
    Me lo consigliarono, vidi il primo episodio ma mi lasciò sorpreso a metà: avevo ancora troppo in mente Hal di Malcolm per apprezzare il nuovo personaggio.
    Passano gli anni, compro la prima stagione e poi seguo su Rai4... ma devo essere sincero, devo rivederlo come si deve!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lanciati, una volta che ti sei lanciato non lo lasci più ^_^

      Elimina
  3. Un capolavoro, senza se e senza ma! La serie migliore che ho visto fino ad ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, anche per me è stato così a parte Mad Men che adoro e devo riprendere, questa è una SIGNORA serie tv ^_^

      Elimina
  4. Mi sono pappato tutte e 5 le stagioni in una settimana, ma le voglio rivedere stavolta in inglese sottotitolato. Comunque rimane la serie migliore di sempre per me.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…