Passa ai contenuti principali

Child 44


Ci sono parecchi film bellici nella storia del cinema che hanno in un certo senso segnato il cuore degli spettatori...non parlo certamente di Child 44, le cui aspettative da parte della sottoscritta erano piuttosto alte.

Avevo fatto l'errore di aver dato una possibilità forse ad uno dei film più sopravvalutati dell'anno. Non ci sono dubbi in questo; la pellicola è patinata e un pò superficiale, il plot magari se sarebbe stato sviluppato meglio avrebbe senza alcun dubbio reso la pellicola migliore.
Ma questa è hollywood, bisogna edulcolorare tutto anche le tragedie.
Io dico, qual'è il motivootoV di tutto questo?
Sinceramente parlando qui stiamo parlando di qualcosa di serio e ci vuole come minimo un pò di competenza a riguardo.
Lo spettacolo, lo lasciamo ai robot, e ai blockbuster, se facciamo un opera bellica dobbiamo senza alcun dubbio rispettare gli eventi storici, o magari se non li vogliamo rispettare, come minimo almeno dobbiamo personalizzarli secondo la sensibilità del regista e il punto di vista che in questo film mancano completamente.
Ed è un peccato lasciarsi alle spalle una simile opportunità non di fare un capolavoro ovviamente, ma almeno un ottimo film il che non guasta mai.
La sospensione dell'incredulità la lasciamo ovviamente alle storie inventate qui il regista non solo non la tiene in considerazione, ma crede di fare un film per se stesso, non per il pubblico.
Ma è proprio il pubblico il destinatario dell'opera, non certo un regista, che ovviamente non può parlare da solo, ma al pubblico che deve immedesimarsi sia nella storia, che nei personaggi.
Il plot di per se è abbastanza interessante, la regia, curatissima e patinatissima, e sta proprio qui il grande limite di un film dalle grandi potenzialità sfruttate male, che nelle mani di registi più navigati avrebbe fatto faville.
Cosa resta di questo film?
Il vuoto, nulla un opera del genere non tocca nemmeno la sufficienza...peccato.
Voto: 5 e 1/2



Commenti

  1. La penso come te sul voto, poteva essere molto bello, ma si perde nel melodrammatico. Cheers!

    RispondiElimina
  2. A me non era dispiaciuto, ma sarà stata anche l'atmosfera dell'anteprima e la suggestione di vedere Tom Hardy in lingua originale che fa sempre un certo effetto.
    A conti fatti, effettivamente non mi lasciò molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.