Passa ai contenuti principali

Child 44


Ci sono parecchi film bellici nella storia del cinema che hanno in un certo senso segnato il cuore degli spettatori...non parlo certamente di Child 44, le cui aspettative da parte della sottoscritta erano piuttosto alte.

Avevo fatto l'errore di aver dato una possibilità forse ad uno dei film più sopravvalutati dell'anno. Non ci sono dubbi in questo; la pellicola è patinata e un pò superficiale, il plot magari se sarebbe stato sviluppato meglio avrebbe senza alcun dubbio reso la pellicola migliore.
Ma questa è hollywood, bisogna edulcolorare tutto anche le tragedie.
Io dico, qual'è il motivootoV di tutto questo?
Sinceramente parlando qui stiamo parlando di qualcosa di serio e ci vuole come minimo un pò di competenza a riguardo.
Lo spettacolo, lo lasciamo ai robot, e ai blockbuster, se facciamo un opera bellica dobbiamo senza alcun dubbio rispettare gli eventi storici, o magari se non li vogliamo rispettare, come minimo almeno dobbiamo personalizzarli secondo la sensibilità del regista e il punto di vista che in questo film mancano completamente.
Ed è un peccato lasciarsi alle spalle una simile opportunità non di fare un capolavoro ovviamente, ma almeno un ottimo film il che non guasta mai.
La sospensione dell'incredulità la lasciamo ovviamente alle storie inventate qui il regista non solo non la tiene in considerazione, ma crede di fare un film per se stesso, non per il pubblico.
Ma è proprio il pubblico il destinatario dell'opera, non certo un regista, che ovviamente non può parlare da solo, ma al pubblico che deve immedesimarsi sia nella storia, che nei personaggi.
Il plot di per se è abbastanza interessante, la regia, curatissima e patinatissima, e sta proprio qui il grande limite di un film dalle grandi potenzialità sfruttate male, che nelle mani di registi più navigati avrebbe fatto faville.
Cosa resta di questo film?
Il vuoto, nulla un opera del genere non tocca nemmeno la sufficienza...peccato.
Voto: 5 e 1/2



Commenti

  1. La penso come te sul voto, poteva essere molto bello, ma si perde nel melodrammatico. Cheers!

    RispondiElimina
  2. A me non era dispiaciuto, ma sarà stata anche l'atmosfera dell'anteprima e la suggestione di vedere Tom Hardy in lingua originale che fa sempre un certo effetto.
    A conti fatti, effettivamente non mi lasciò molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.