Passa ai contenuti principali

Le Popcornate di Arwen Lynch - Ovvero, post semi-seri o quasi sul cinema in generale

E' con grande piacere che comincio una serie di post irriverenti o quasi sul cinema in generale.
Perchè?
Perchè bisogna prendere una passione sia seriamente, sia come passatempo ricordando che: Primo, è una cosa che ci fa crescere, secondo che ci fa svagare e allontanare i pensieri.
Ho deciso di cominciare stasera perchè sono sola  a casa e giù di morale, mi ci vuole qualcosa di estremamente rilassante per non pensare a nulla, perciò parlo della cosa che mi sta più a cuore, ovvero il cinema.
Le mie popcornate, vogliono essere post ironici che guardano al cinema di qualunque tipologia, senza nessuna cadenza, sia settimanale, mensile e via dicendo; trattando di intrattenimento (e non parlo di qualità ma del fine della settima arte in generale) viene facile dire, eh ma allora parli di blockbuster e cavolate varie? Non esattamente, parlo di cinema stop!!!
Ho cominciato da piccola a guardare film, mi piaceva guardarli, e non mi perdevo nessuna prima tv da adolescente.
Ricordo ancora la scelta dei film che facevano in televisione, l'attesa, le infinite pause pubblicitarie, se volete sapere come sono diventata appassionata di cinema leggete questi post.
No, la mia non è religione, perchè qualsiasi religione porta al fanatismo e alla  "non accettazione" di ogni tipo di cinema per favorirne un altro in nome di una guerra contro i mulini a vento.
La mia è una passione, pura e semplice: legata a una infinita curiosità che mi porta a divorare intere filmografie di un dato autore e alla lettura - quella si, è fondamentale - di qualsiasi blog di cinema che si rispetti.
Anni fa c'era Robydick nel cui blog scrivevo pure, e che ho scoperto un sacco di autori con le palle, oggi ci sono Bollicina, Ford, Il Bradipo e tanti amici blogger che mi hanno aiutata a conoscere diversi film.
Il bello è che nonostante l'assenza di Robydick mi pesi parecchio, quello era davvero un signor blog, di un uomo che il cinema lo mangiava a colazione, a pranzo e a cena, forse il blog più completo che ci sia in italia, non sono stata a digiuno, grazie soprattutto agli amici sopracitati e ad altri amici ancora e menomale direi.
Senza nulla togliere agli altri amici che davvero mi hanno fatto conoscere un sacco di film, anche irriverenti, divertenti da sganasciarsi dalle risate.
La cosa buffa è che se stai attento potresti pescare titoli talmente pazzi da farti piegare in due dalle risate, e sapete di chi sto parlando?


Sharknado
Oh yess, in tutta la blogosfera qualcuno ha recensito questo pazzo pazzo film, che prossimamente recensirò anche io.
Produzione della Asylum, quindi potete fare due + due tanto per fare un esempio.
Ho visto l'intera trilogia in un momento a neuroni zero, volevo tanto togliermi questa curiosità e vi assicuro che di risate me ne sono fatte, non tanto perchè è un film comico, ma perchè presenta scene talmente pazze da toccare il ridicolo involontario, alla fine si ride si, ma perchè è una autentica supercazzola pazza!!!

Russ Meyer
Oh oh oh il cantore delle tette...diceva sempre, piuttosto che uscire con una ragazza piatta preferisco giocare a carte, ma nella sua carriera qualche cult l'ha diretto, il suo capolavoro assoluto è e resta Faster Pussycat Kill! Kill!
Amatissimo da Tarantino e John Waters che lo reputa niente di meno che il più grande film della storia del cinema, vabè parere soggettivo di un fan!!
Russ Meyer  resta senza dubbio uno dei registi cult che hanno ispirato nuove generazioni di registi cinefili.

A proposito di cinema d'autore...
Ecco a voi la fatina di cuore selvaggio...perchè inserirla qui? Perchè per me rappresenta uno dei momenti cult zone da inserire nella memoria, a seconda dei pareri.
Cuore Selvaggio è uno dei film di David Lynch a cui sono molto legata, perchè è uno dei primi che ho visto, non so quante volte l'ho visto ma sono state parecchie, e ogni volta che lo vedo mi da delle vibrazioni positive, perchè il film ha una forza interiore che spacca letteralmente in due lo schermo, sia del cinema, che della tv e in qualsiasi schermo lo si voglia proiettare...un cult appunto, c'è poco da fare!!!
Questo film dimostra inoltre che quando Nicolas Cage è ben diretto è un grandissimo attore!!! Non ci credete? Guardatevelo e poi mi dite xD

Il film che voglio vedere...MA...fin ora non ho avuto il coraggio di guardarlo
A Dirty Shame, si tratta di un film di John Waters che ancora non ho visto...mia mancanza personale ma vi assicuro che prima  o poi sarà sugli schermi dei vostri  pc grazie alla recensione qui alla fabbrica dei sogni.
Waters mi piaciucchia parecchio, se avete visto La Signora Ammazzatutti capirete cosa sto dicendo, sarà una supercazzola? Sarà divertente, pazzo e irriverente? Chi lo sa, io voglio godermelo, poi certamente ve ne parlerò, sia in questa rubrichetta appena nata, sia nella recensione...ma intanto...


Aaaaaaaaaaaaaaaaah
Tranquilli, per la terza stagione di Twin Peaks bisogna aspettare il 2017 su showtime non dimenticatevelo, come sarà ve lo siete chiesti? Ci sono ancora parecchi enigmi da risolvere, non vedo l'ora che cominci, e vi assicuro che lo guarderò in contemporanea con gli states, talmente grande sarà l'attesa che non starò nella pelle!!!
Alla prossima, e mi raccomando, leggete questo post coi popcorn in mano va bene?
E' obbligatorio, anche se parlo di cinema serio ok?
Anzi, entrate alla fabbrica dei sogni coi popcorn in mano xD.
Alla prossima.
Arwen Lynch!!

Commenti

  1. A dirty shame manca anche a me, il primo Sharknado è bellissimo, e Russ Meyer è uno dei più grandi geni che ci siano mai stati... Non scherzo sono serissimo ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Beh Davidino è il mio regista preferito assieme a Quintino, quindi puoi immaginare quanto sto gasato anche io per TP3... che aspetto da quel giugno 1991 **
    Sharknado mai visto, mentre di Meyer ho qualcosa (Ultra Vixens, trashissimo^^)

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.