Passa ai contenuti principali

Lo Scafandro e la Farfalla

Trama
Jean Dominique Bauby è un uomo di successo, di professione fa il caporedattore della rivista Elle e ha tutto ciò che si può desiderare dalla vita, soldi, successo, figli, un giorno mentre è uscito in macchina con il figlio ha un ictus ed entra in coma, svegliandosi con il corpo quasi completamente immobilizzato, l'unica parte con cui comunica con il mondo esterno è la sua palpebra sinistra, con cui ha dettato all'infermiera il libro Lo scafandro e la Farfalla.

Commento
Il film è tratto dal romanzo di Jean Dominique Bauby, Lo scafandro e la Farfalla, e racconta la sua vita di successo, sia con il lavoro che con le donne, fino all'ictus all'età di 43 anni che lo ha reso quasi completamente immobile, apparte la palpebra sinistra.
All'inizio le immagini appaiono sfuocate, vulnerabili, quasi come se lo spettatore fosse nel corpo di Jeandò come viene chiamato nella vita, il regista è molto bravo a fare identificare nel personaggio lo spettatore, sentiamo le sue parole al di dentro del suo essere, parole che non possono essere nè pronunciate ne urlate, Il corpo di Jeandò è simile a una nave, dove tutti noi che vediamo il film siamo costretti a vivere, viaggiamo con la fantasia e i ricordi di Jeandò (interpretato da un bravissimo Mathieu Amalric (che scoperta, parlo naturalmente dell'attore non delle mie sensazioni).

Shnabel prende lo spettatore per mano, scoprendo che la sua vita non sarà più la stessa, ci fa provare il suo dolore, la sua pena, immedesimandoci in qualcosa che a nessuno dovrebbe succedere, poi vediamo le persone intorno a lui, c'è il padre che si commuove quando l'infermiera gli legge le lettere per parlare con suo figlio al telefono Von Sydow è molto bravo specialmente quando grida il suo dolore per non poter più parlare al figlio come prima, c'è Celine, la moglie che lo accudisce con i suoi figli, c'è l'infermiera, con cui Jeandò fantastica di sedurre mangiando ostriche sulle note della Lolita Kubrickiana, ci sono i ricordi e c'è la fantasia, in quello che definisco uno dei migliori film di quest'anno che sta per finire...da collezionare



Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.