Passa ai contenuti principali

Underground - di Emir Kusturica

Trama
La storia ripercorre la Jugoslavia, dal 1941 ai giorni nostri, al centro c'è il triangolo amoroso tra Marko, rivoluzionario comunista, Natalia, un attrice di teatro e Petar detto il nero, suo migliore amico e compagno di partito, dopo che Petar è stato rapito dai tedeschi viene liberato da Marko, che lo protegge mettendolo in uno scantinato, facendogli credere che c'è la seconda guerra mondiale per stare con Natalia, la donna che ama...

Commento
E' uno dei capolavori assoluti degli anni '90, vincitrice della palma d'oro a Cannes nel 1995, la pellicola uscita durante il conflitto dell'ex Jugoslavia narra la storia di una nazione distrutta dalla guerra, ed è inframmentata da filmati d'epoca racchiusi nella storia che raccontano e mostrano gli avvenimenti politici più imporanti accaduti nella ex Jugoslavia, facendone un ritratto a tratti documentaristico che lascia senza fiato, il tutto è curato alla perfezione come se l'autore della pellicola conoscesse a memoria la storia del suo paese facendone un ritratto spietato e curatissimo oltre che malinconico.
I due protagonisti interpretati da Micki Manojlovic' e Lazar Ristovski, sono due rivoluzionari che a modo loro vorrebbero cambiare il loro paese, una delle frasi che mi vengono in mente e che mi hanno fatto amare il film è il loro tormentone contro i fascisti che è una critica al regime della seconda guerra mondiale.
La straordinaria colonna sonora del film firmata da Goran Bregovich, le scenografie e la fotografia, a tratti cupa e claustrofobica sono il punto di forza che caratterizzano maggiormente il film. una delle scene migliori avviene quando i tre amanti cantano abbracciati insieme e le trombe suonano infuocate i ritmi gitani tanto cari a Kusturica, finchè c'è la prima parte del film il triangolo si mostra goliardico e amichevole ma poi le cose cambieranno.
Ed è proprio questo triangolo sentimentale tra Marko, Natalia e Petar detto il nero, il vero cardine della storia, tutto inizia quando la rapiscono durante una recitazione in teatro per toglierla a un certo Franz che è nazista, al contrario viene rapito Petar che viene salvato da Marko e rinchiuso sotto terra in una cantina facendogli credere che la guerra non è mai finita. Così Marko diventerà ricco ed un esponente importante al regime di Tito, con il traffico delle armi costruiti dalle persone che vivono sotto casa sua nel sotterraneo compresoil suo amico che dopo il matrimonio del figlio apprende la verità pure da Natalia e decide di uscire trofandosi dentro il conflitto della ex Jugoslavia e credendo che la seconda guerra mondiale non sia finita si trova appena uscito dentro un film di propaganda che ricorda proprio la sua storia con l'amico Marko. Underground è una pellicola grandiosa, surreale, felliniana e drammatica dentro c'è tutto il marcio della guerra e della devastazione in Jugoslavia, riusciranno Petar e suo figlio Jovan ad uscire da quello scantinato? Si ce la faranno e si troveranno nel conflitto che ha sconvolto la Jugoslavia...una delle scene più terrificanti è senza dubbio quella della croce con Cristo messo al contrario mentre Marko e Natalia bruciano ormai defunti, cosa ci vuole dire Kusturica? Che la guerra e le devastazioni non avranno mai fine? Che l'odio dell'uomo vivrà finchè vivrà la sua fame di potere e di conquista? Perchè no? Per me è questa la grande forza di Underground una sola parola per concludere la recensione.

CAPOLAVORO ASSOLUTO

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.