Passa ai contenuti principali

Chi ha paura di INLAND EMPIRE?

Chi ha paura di INLAND EMPIRE?
L'ultima opera cinematografica di David Lynch ha fatto paura a moltissimi fans, la cosa che mi stupisce e che forse credo sia un opera talmente innovativa per gli anni in cui è uscita e talmente sperimentale che persino io alla prima visione mi sono ritrovata stordita quasi come se mi fossi fatta una dose di Lsd.

Ma cosa rappresenta davvero INLAND EMPIRE? E' la fine del cinema di David Lynch? Non credo proprio, la summa della sua follia? Perchè no, condivido in pieno questa ipotesi, questo vuole essere un articolo e non una recensione, quella semmai verrà dopo un ulteriore visione forse la nona o la decima, perchè come opera è talmente complessa e articolata come una scatola cinese in cui è impossibile trovare una soluzione perchè subito dopo ne arriva un altra. La potenza ipnotica delle immagini e la colonna sonora composta questa volta da Lynch stesso che canta anche un brano Ghost of Love...segnano il punto di svolta nella cinematografia di Lynch? Perchè no? INLAND EMPIRE è una sinfonia d'immagini e di mondi che vanno aldilà della nostra percezione ottica, e olfattiva, alcuni hanno gridato al capolavoro (me compresa) altri alla colossale presa in giro, altri sono rimasti delusi per la totale lontananza delle opere precedenti dirette da Lynch ed effettivamente io non posso non dare torto a queste persone, altri lo hanno massacrato definendolo merda d'artista, ma cos'è realmente INLAND EMPIRE? Sono diversi mondi che si intrecciano tra loro legati a una donna (Laura Dern per altro qui nella sua migliore interpretazione) un sogno? Un incubo? Oppure stiamo attraversando un sipario invisibile dove realtà e finzione se mescolano fino a non capire dove comincia l'uno e finisce l'altro?
INLAND EMPIRE è una grandiosa opera surrealista e visionaria, eh si perchè no, per me è un opera d'arte, uno di quei film che verranno scoperti tra dieci anni, sicuramente qualcuno urlerà al capolavoro assoluto, di questo ne sono certa, forse tutti coloro che hanno storto il naso in questi anni si ricrederanno, io fortunatamente non ne ho bisogno, perchè so fin da subito che è forse il miglior film di David Lynch, perchè la libertà creativa è senza freni inibitori, anche se il digitale mi fa ancora storcere il naso e INLAND EMPIRE pur essendo un grandissimo film ha i suoi pregi e i suoi difetti, che non scrivo qui perchè come ho detto io è un articolo e non una critica dell'opera, e forse sono proprio questi che rendono la pellicola interessante. Ma ditemi voi, chi ha il coraggio di osare e di sfidare il proprio pubblico al giorno d'oggi? Lynch lo ha fatto, ha sfidato il suo pubblico con questo lungometraggio, e di questi tempi credetemi in molti anche se fanno cult movie cercano sempre di vendere il prodotto anche se passa il tempo e viene riconosciuto, e secondo me solo un artista (e Lynch lo è sicuramente) ha il coraggio di sfidare il suo pubblico rischiando persino la sua carriera, e di questi tempi è una cosa più unica che rara, per questo pur nella sua follia amo Lynch, ora vi chiedereste se ho accettato la sfida? Ehehehe, è una parola grossa, si ho accettato la sfida, e ogni volta che vedo il film è uno spettacolo per la mente e per il cuore a cui non rinuncerei per nessun motivo al mondo.







Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.