Passa ai contenuti principali

Happiness


A dispetto del titolo Happiness ovvero felicità, è un film che fa di questa parola una parodia nel suo insieme, Solondz racconta la vita familiare di tre sorelle, una scrittrice depressa interpretata da Lara Flynn Boyle, una madre di famiglia e una single in cerca del grande amore, mostra la quotidianità "normale" di queste famiglie, ma allora direte voi cosa c'è che non va? Bene come ho detto prima il titolo Happiness è un po' la parodia della tranquilla vita familiare, la sorella sposata ha un figlio che parla esplicitamente di sesso con il padre di cui più avanti scopriremo le sue tendenze pedofile, tutto scorre apparentemente tranquillo e felice, e ovviamente tutti nascondono degli scheletri sull'armadio, ma i personaggi si fermano solo alla dolce famigliola felice? Assolutamente no, c'è anche un Philip Seymour Hoffman feticista che usa il telefono come valvola di sfogo alle sue pulsioni sessuali anzi lo usa come fallo per esprimere ciò che nella vita non riesce a fare, ah si da notare la scena iniziale quando racconta le sue pulsioni eritoche all'analista (che poi scopriremo il marito di una delle sorelle ovvero il padre pedofilo) e l'analista invece di analizzare pensa alle cosa da fare...Solondz usa la telecamera in maniera quasi invisibile accompagnando lo spettatore "dentro" quel mondo di sorrisi, e di serena vita familiare, ma la bomba scoppierà quando il figlio invita a casa un suo compagno di classe che poi scopriremo è stato violentato dal tranquillo padre di famiglia, generando il disgregamento della sua famiglia SPOILERONE - se siete sensibili non leggete se non lo siete non lo fate, vi suggerisco di vedere il film perchè è crudelissimo sia per il bambino che per lo spettatore, - Il padre fa la sua confessione al figlio di aver stuprato il suo compagnetto di classe generando disgusto e orrore agli occhi del figlio.
In questo film non ci sono immagini impressionanti, o provocatorie, ad impressionare lo spettatore è lo scenario in cui si svolge la storia e le famiglie apparentemente perfette che ruotano attorno, compresi i dialoghi inauditi tra padre e figlio in tema di sesso da vedere.

Commenti

  1. Grande Solondz! Un giorno o l'altro devo recuperare tutta la sua filmografia. Ora è a Venezia con il suo ultimo lavoro!

    RispondiElimina
  2. Ciao Arwen!

    Hai fatto benissimo a linkare perchè io se non mi chiamano fatico moltissimo a muovermi.

    Hai ragione a porre molta attenzione ai dialoghi tra il padre e il figlio, sono senz'altro le scene più forti e forse anche le più riuscite dell'intero film.

    Linkami tutto quello che vuoi, vengo volentierissimo a leggerti.
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. ok, ciao e grazie per il tuo messaggio ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.