Passa ai contenuti principali

Antichrist di Von Trier


Il mio vuole essere un articolo, ma anche una riflessione su una pellicola destabilizzante come Antichrist, qual'è la mia opinione dopo la visione di questo film?
Che qualcuno torturi Lars Von Trier, sia in senso reale che in senso metaforico, si vero dopo la visione di questo film che non lascia spazio a nulla, ti senti spiazzata, è un opera lacerante, dolorosa, impressionante, non sai come definire un film del genere, o lo definisci semplicemente come è che ti appare (come è capitato a me) o cerchi di rimurginare su significati e cose nascoste, che nonostante abbia visto nella mia vita una vagonata di film, (in media vedo dai due ai tre film al giorno) anche più complessi, quest'opera mi sfugge, c'è chi grida al capolavoro, chi alla boiata pazzesca, e chi come me resta incerto su quello che ha visto, ma cos'è realmente Antichrist? Il frutto della depressione di Von Trier? Oppure semplicemente un opera di violenza gratuita con scene fini a se stesse? Analizzare un film del genere prendendo come esempio Lynch (come mi è capitato di recente anche in chat) non è una buona cosa, perchè primo questo film va aldilà di tutti i limiti, Lynch a differenza di Trier è provocatorio ma la sua arte è incentrata sul surrealismo e sul mondo onirico in cui si intrecciano e si incontrano mondi paralleli, vedere INLAND EMPIRE per crederci, Antichrist invece è un opera che si distanzia da quei capolavori con cui ho iniziato ad apprezare Von Trier che sono le onde del destino e Dancer in The Dark, due film poetici e commoventi, che considero i suoi capolavori assoluti.
Antichrist ha un prologo da standing ovation, musicato dalle note di Lascia ch'io pianga di Handel, una musica struggente e bellissima, la scena girata in bianco e nero va a rallentamento, un uomo e una donna fanno l'amore e il loro figlioletto sta lì accanto che gioca, all'improvviso la finestra si apre e il bambino viene attirato dal cadere della neve, e mentre i suoi raggiungono il culmine del piacere il bambino cade e muore, prologo bellissimo e agghiacciante, il film poi è una lunga discesa agli inferi dove c'è un confronto conflittuale tra i due, come se l'uomo e la donna siano in realtà incapaci di comunicare, e Von Trier lo sottolinea benissimo, la donna scende in una profonda crisi, il marito psicoterapeuta cerca di guarirla, ma non ci riesce...
Von Trier poi a mio parere si è lasciato andare un po troppo con scene di sesso esplicite e alcune scene da film da torture porn vedi quando si taglia il clitoride oppure quando trapana la gamba al marito per punirlo, forse per assaporarne l'essenza c'è bisogno di una seconda visione, ma oddio, mi fa troppa paura rivederlo...
ed è l'unico film in tutta la mia vita che mi fa tutta questa paura...
Vedrò di trovare il coraggio necessario.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.