Passa ai contenuti principali

#lapromessa2022 - Poesia Senza Fine


 Film poetico e bellissimo, in una parola sorprendente. Se c'è un regista capace di coniugare vari generi cinematografici, allegorie, e personaggi che non rinunciano ai propri sogni, a costo di perdere tutto, quello è proprio Alejandro Jodorowsky autore cinematografico amatissimo dalla sottoscritta, ma in questo film, che è autobiografico, racconta se stesso, mettendo in primo piano tutto il suo mondo.

Lo spettatore si trova di fronte un film incredibile e spettacolare, in cui viene travolto come un fiume in piena.

Ed è proprio questa l'impressione che ho avuto davanti a questo capolavoro immenso che mi ha lasciata senza fiato per la bellezza e la potenza sia delle immagini che della storia. La storia di un sognatore, che vuole realizzare il suo sogno di diventare poeta e compie in viaggio significativo per realizzarlo. In questo viaggio incontrerà poeti, artisti e freaks, che lo accompagneranno a trovare la sua strada.

Un film bellissimo capace di farvi sognare e commuoversi dall'inizio alla fine.

FILM DA VEDERE, NON FATEVELO SCAPPARE.




Commenti

Post popolari in questo blog

La Bacheca di Arwen Lynch - Shining

  Ma che sorpresa... Dunque, aggiungiamo anche i libri alla fabbrica? Perché no, MA e dico ma, le mie sono e restano impressioni, non sono recensioni (da scrittrice non potrei farle), ma anche consigli di lettura, appunti di viaggio di una persona che oltre al cinema e alla musica ama moltissimo leggere. In questi giorni sto leggendo Shining  capirai, potevo non leggere il romanzo da cui è tratto il capolavoro di Stanley Kubrick  nonchè mio horror preferito in assoluto? Non sia mai. Le sorprese le ho avute, mi aspettavo un libro mediocre, invece devo constatare che il romanzo è ottimo, ma non è un capolavoro. Tra il libro e il film c'è un abisso di linguaggi. Se il film di Kubrick  va subito al sodo, Stephen King ci narra i Torrance, con una serie di flashback che ti incollano alla lettura, non solo all'Overlook Hotel, ma anche indaga nel loro passato, la scrittura è scorrevole e ti incolla alla poltrona, il romanzo ovviamente è meglio della miniserie voluta da  King , ma entra

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?