Passa ai contenuti principali

The Orphanage - di Juan Antonio Bayona

Trama
Laura compra il vecchio orfanotrofio nel quale era cresciuta, per farne un centro d'accoglienza per disabili, così viene a vivere con il marito e il figlioletto affetto dall'hiv, Simone.
Il bambino dice di avere degli amici immaginari che lo invitano a fare un gioco...
Laura dapprima non crede alle parole del bambino, ma poi quando sparisce capisce che in casa ci sono delle strane presenze e cerca di mettersi in contatto con loro per salvare suo figlio...


Commento
Opera prima di Juan Antonio Bayona e prodotto da Guillermo del toro, regista del labirinto del fauno, all'apparenza può sembrare un horror, ma vedendolo ti accorgi del contrario.

Simone, il bambino affetto dal virus dell'HIV, è ormai prossimo alla morte, attorno a lui vi sono degli amici immaginari e racconta di uno strano gioco alla madre, ma cosa si nasconde dentro le mura del vecchio orfanotrofio?
Juan Antonio Bayona sceglie la via della suspence, suspence piena di tensione, non ci sono scene impressionanti, ma il tocco di genio di Bayona è quello di scoprire dove si trova il bambino, in quale dimensione si è nascosto, la scena di Gerardine Chaplin qui in veste di medium in cui viene riresa con la telecamera quando è in trance, è una delle scene più inquietanti del film.
Simone scoprirà di essere stato adottato da Laura e da suo marito prima di sparire, e lei scoprirà che ciò che le diceva il bambino non sono bugie...
Sin dall'inizio vediamo Laura che fa il gioco del muro, espediente che verrà usato per ritrovare suo figlio.
A metà strada tra Shining e il Sesto Senso, il film mostra come l'innocenza quando viene spezzata chiamano gli esseri viventi e far luce sul mistero di quel luogo perchè venga fatta giustizia.
L'elemento forte è ovviamente Laura interpretata da Belen Rueda, già vista in mare dentro; è lei che non si arrende mai per trovare suo figlio, è lei che chiama la medium per riuscire a capire dov'è e come può trovarlo e grazie alla medium scoprirà una verità agghiacciante, tenutale nascosta prima di acquistare l'orfanotrofio.
Alla fine madre e figlio si riuniranno, con tutti i bambini nello stanzone della notte in una delle scene più cariche d'emozione di tutto il film.
Da Collezionare.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.