Passa ai contenuti principali

La doppia vita di Veronica di Krzysztof Kieślowski

Trama
Weronika è una ragazza polacca che possiede una voce angelica e suadente, durante un concerto canta finchè non si accascia e muore...
In Francia troviamo Veronique che ha appena scoperto di essere cardiopatica, così va dal suo maestro di canto e gli dice che non intende più cantare, fa la scelta opposta a quella di Weronika, un giorno incontra un marionettista che le racconta la favola delle due ballerine...

Commento
E' un film la cui potenza visiva riesce a ipnotizzare lo spettatore, già dalla fotografia marcatamente cromata di giallo/verde ti fa entrare in una atmosfera onirico/metafisica...
menzione speciale a Irene Jacob qui nel doppio ruolo di Weronika e Veronique protagonista la cui interpretazione è intensa e straordinaria.
Kieslowski sceglie di non usare l'espediente surrealista, e secondo me fa bene, primo perchè anche se le atmosfere possono sembrare oniriche è solo un illusione dello spettatore, e questo già di per se è il punto di forza della pellicola, secondo perchè anche se il titolo cita la doppia vita di veronica in realtà sono solo due donne legate insieme dalla passione del canto e della musica.
E' una pellicola affascinante, ipnotica, la cosa che colpisce di più è che a questo mondo anche se ti senti solo, hai la consapevolezza di non esserlo, che una parte di te ti stia sempre accanto, come un deja vù...ed è questa la forza trainante di una pellicola recitata benissimo e diretta magistralmente da Kieslowski, regista polacco del decalogo.

Straordinaria la fotografia, che danza come lievi fiamme dentro la storia, specialmente nella parte di Veronique.
Due persone, che vivono in luoghi separati, hanno l'aspetto identico e la stessa passione per la musica lirica da antologia il canto di Weronika prima di morire, è una musica celestiale che nel corso del film si sente molto spesso, quasi come fosse un legame tra le due donne così uguali eppure così diverse.

Da collezionare.







Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.