Passa ai contenuti principali

L'avversario - di Nicole Garcia

L'avversario
Fin dalle prime inquadrature, capisci che non stai assistendo al classico Thriller con risvolti paurosi, La regista Nicole Garcia sceglie la strada dell'inquietudine sottile per raccontare la storia di un uomo, che con freddezza uccide la sua famiglia, i suoi genitori e provoca la morte del suocero per cosa? Presto detto, in tutti gli anni della sua vita si è costruito una falsa identità, le persone attorno a lui non fanno che chiedere soldi, credendo che sia medico, l'inizio è folgorante, vediamo un uomo seduto su una sedia, freddo, distante e distaccato, un sociopatico che per tutta la vita non ha fatto altro che indossare una maschera, vede constantemente un video/confessione in cui racconta la sua storia, il film è inframmetizzato da flashback della sua vita con la famiglia e gli amici, delle continue menzogne e inganni che deve inventare per trattenere quella maschera che come un demone finirà per inghiottire le persone che lo amano, Nicole Garcia usa la sua maschera come metafora, una metafora di un fallimento inaccettabile e che agli occhi degli altri deve rimanere intatta, Grandioso Daniel Auteuil, nel ruolo del protagonista Jean Marc, un uomo timido, riservato, forse anche troppo perfetto per essere vero, un antieroe se possiamo chiamarlo così, indossa quella maschera per celare una vita che non possiede, una professione che non esercita, si è inventato di sana pianta per nascondere il piccolo borghese mediocre che è in realtà, vaga per gli alberghi, inizia anche una relazione con una delle amiche della moglie, spende una montagna di soldi e mostra al mondo un uomo che non esiste, ma la paura che qualcuno tolga via quella maschera gli farà perdere la ragione e con estrema freddezza cinque vite innocenti pagheranno con la propria vita purchè quella maschera resti intatta.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.