Passa ai contenuti principali

Da Morire

Una storia di lucida follia...una parodia o c'è dell'altro?
Gus Van Sant con Da Morire (in originale To Die For) traduce per lo schermo il romanzo scritto da Joyce Maynard (che tra l'altro compare in un cameo nel ruolo dell'avvocato di Suzanne) e scritto dalla penna acuta di Buck Henry, racconta la storia di Suzanne Stone, una bionda avvenente e un po' svampita ragazza di provincia che è spietatamente determinata a diventare un famoso volto televisivo.
Una volta in una recensione ho letto che la tv genera mostri, e Suzanne sembra uno di quei mostri che dietro l'apparenza di delicata statuina (così la definisce Larry ormai invaghito di lei) ma dentro di se possiede la determinazione a seguire il suo sogno, non importa se a lasciarci le penne sia il dolce maritino, (che nel frattempo le aveva proposto di lavorare per lui nel ristorante di famiglia) l'importante è seguire il proprio motto non sei nessuno in america se non appari in tv, è in tv che sappiamo chi realmente siamo, e se appari in tv diventi una persona migliore, un gioco di apparenze, un doppio gioco che in realtà maschera diverse sfaccettature, il motto scritto poco fa è agghiacciante...perchè chi lo dice che se appari in tv diventi una persona migliore? E' questa la genialità di Gus Van Sant che con questa magistrale commedia nera firma uno dei capolavori degli anni novanta, la ciliegina sulla torta la da una magistrale Nicole Kidman (qui forse in una delle sue migliori performance) che è così naturale e così vera che di Nicole non c'è nulla, noi vediamo Suzanne, i suoi vezzi, i suoi capricci, notiamo il suo modo di vestire e di pettinarsi, (all'inizio ha i capelli lunghi poi passa a un "professionale" taglio da donna in carriera) e la sua determinazione a seguire il suo sogno...come dice la locandina - avrebbe fatto di tutto per diventare qualcuno - e qualcuno lo diventa, ci sono diverse scene che mi hanno colpita, una dopo la cena in cui le due famiglie sono riunite e la sorella di Larry dice che farà un musical al teatro, Suzanne ovviamente dopo il "falso allarme" di cui la suocera crede in una gravidanza annuncia il suo lavoro in televisione, da notare come inarca il sopracciglio...un altra, la sera in cui muore larry, lei non versa una lacrima e al suono dell'inno nazionale attraversa l'ingresso di casa per essere intervistata con in braccio il cane Walter - veramente agghiacciante.
Gus Van Sant poi in questo film è davvero magistrale, firma una commedia nera che vira nel Thriller, ma che analizza la psicologia di chi per diventare qualcuno ha bisogno di essere qualcosa di importante, di apparire e di tralasciare la realtà che li circonda, anzi la si rifiuta totalmente, occhio a Joaquin Phoenix nel ruolo del pollo che perde totalmente se stesso preso dalle false promesse di chi lo sta solo usando per i suoi scopi personali, alcuni di voi lo dipingeranno come un babbeo, io non sono d'accordo, si sa che l'elemento più debole in certe situazioni è proprio l'uomo, ma la cosa che fa riflettere è che per "risolvere" una certa situazione lei abbia usato ragazzi a cui nessuno avrebbe creduto se avessero parlato di questa storia...come imparai guardando altri film l'apparenza inganna, Suzanne con il suo viso angelico, con i suoi vestitini color confetto, con il suo magico sorriso è più spietata di quanto appare, rifiuta totalmente una realtà che crede non le appartenga, vive riflessa nella sua immagine e non esiste nulla attorno a lei...forse perchè lei è e rimane solo un immagine dipinta nel piccolo schermo della tv.



Commenti

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…