Passa ai contenuti principali

Da Morire

Una storia di lucida follia...una parodia o c'è dell'altro?
Gus Van Sant con Da Morire (in originale To Die For) traduce per lo schermo il romanzo scritto da Joyce Maynard (che tra l'altro compare in un cameo nel ruolo dell'avvocato di Suzanne) e scritto dalla penna acuta di Buck Henry, racconta la storia di Suzanne Stone, una bionda avvenente e un po' svampita ragazza di provincia che è spietatamente determinata a diventare un famoso volto televisivo.
Una volta in una recensione ho letto che la tv genera mostri, e Suzanne sembra uno di quei mostri che dietro l'apparenza di delicata statuina (così la definisce Larry ormai invaghito di lei) ma dentro di se possiede la determinazione a seguire il suo sogno, non importa se a lasciarci le penne sia il dolce maritino, (che nel frattempo le aveva proposto di lavorare per lui nel ristorante di famiglia) l'importante è seguire il proprio motto non sei nessuno in america se non appari in tv, è in tv che sappiamo chi realmente siamo, e se appari in tv diventi una persona migliore, un gioco di apparenze, un doppio gioco che in realtà maschera diverse sfaccettature, il motto scritto poco fa è agghiacciante...perchè chi lo dice che se appari in tv diventi una persona migliore? E' questa la genialità di Gus Van Sant che con questa magistrale commedia nera firma uno dei capolavori degli anni novanta, la ciliegina sulla torta la da una magistrale Nicole Kidman (qui forse in una delle sue migliori performance) che è così naturale e così vera che di Nicole non c'è nulla, noi vediamo Suzanne, i suoi vezzi, i suoi capricci, notiamo il suo modo di vestire e di pettinarsi, (all'inizio ha i capelli lunghi poi passa a un "professionale" taglio da donna in carriera) e la sua determinazione a seguire il suo sogno...come dice la locandina - avrebbe fatto di tutto per diventare qualcuno - e qualcuno lo diventa, ci sono diverse scene che mi hanno colpita, una dopo la cena in cui le due famiglie sono riunite e la sorella di Larry dice che farà un musical al teatro, Suzanne ovviamente dopo il "falso allarme" di cui la suocera crede in una gravidanza annuncia il suo lavoro in televisione, da notare come inarca il sopracciglio...un altra, la sera in cui muore larry, lei non versa una lacrima e al suono dell'inno nazionale attraversa l'ingresso di casa per essere intervistata con in braccio il cane Walter - veramente agghiacciante.
Gus Van Sant poi in questo film è davvero magistrale, firma una commedia nera che vira nel Thriller, ma che analizza la psicologia di chi per diventare qualcuno ha bisogno di essere qualcosa di importante, di apparire e di tralasciare la realtà che li circonda, anzi la si rifiuta totalmente, occhio a Joaquin Phoenix nel ruolo del pollo che perde totalmente se stesso preso dalle false promesse di chi lo sta solo usando per i suoi scopi personali, alcuni di voi lo dipingeranno come un babbeo, io non sono d'accordo, si sa che l'elemento più debole in certe situazioni è proprio l'uomo, ma la cosa che fa riflettere è che per "risolvere" una certa situazione lei abbia usato ragazzi a cui nessuno avrebbe creduto se avessero parlato di questa storia...come imparai guardando altri film l'apparenza inganna, Suzanne con il suo viso angelico, con i suoi vestitini color confetto, con il suo magico sorriso è più spietata di quanto appare, rifiuta totalmente una realtà che crede non le appartenga, vive riflessa nella sua immagine e non esiste nulla attorno a lei...forse perchè lei è e rimane solo un immagine dipinta nel piccolo schermo della tv.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.