Passa ai contenuti principali

L'esercito delle dodici scimmie

Terry Gilliam dirige un film grandioso, complesso, che ti incolla allo schermo.
Nell'incipt iniziale vi è la genialità di quest'opera che ritengo sia puro cinema da manuale, dalla fotografia chiarissima si passa all'oscurità del sottosuolo, dove troviamo James Cole interpretato da Bruce Willis, che deve tornare nel passato per cercare di non permettere all'esercito delle dodici scimmie di diffondere un virus che ucciderà il genere umano, infatti nel suo mondo gli esseri umani vivono nel sottosuolo, ogni tanto però alcuni di loro salgono su per raccogliere le prove da dare agli scenziati per creare un antidoto e riconquistare la superfice, così Cole va indietro nel tempo, ma grazie a un errore invece di andare nel 1996 va nel 1990, qui incontra Geffrey Goines (Brad Pitt) e gli racconta la sua storia, ma Goines non è l'unica persona che incontra...all'ospedale psichiatrico conosce la dottoressa Kathryn Railly che all'inizio non gli crede ma poi piano piano si convince della sua storia, così dopo l'ennesimo errore (nella seconda volta l'anno mandato durante la prima guerra mondiale) finalmente arrivano al 1996 dove tenteranno di scampare il progetto di un gruppo ecologista chiamato l'esercito delle dodici scimmie di sterminare l'intera umanità...
Ispirandosi al corto francese del 1962 la Jetèè, Gilliam firma un opera dal ritmo incalzante e surreale, dalla struttra piuttosto complessa che affascina per il suo virtuosismo, bellissima la colonna sonora e la fotografia soprattutto la sceneggiatura firmata da David Webb Peoples e Janet Peoples.
Senza dubbio io lo considero uno dei migliori film di fantascienza degli anni novanta.
Da collezzionare.

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.