Passa ai contenuti principali

Mounsieur Verdoux

E' un film amaro, duro, come è dura la vita, la storia di Monsieur Verdoux, diretta da un grande quanto inquietante Charlie Chaplin, che per l'occasione abbandona la comicità per dirigere e interpretare Verdoux, uomo che sposa e uccide ricche signore sole per ereditarne le sostanze...
Cio' che più colpisce di questo film non è la natura crudele del personaggio, ma la vita in se stessa che dopo la grande depressione porta un impiegato di banca che peraltro ha moglie paralizzata su una sedia a rotelle e un bambino da allevare ad essere licenziato dal posto di lavoro, così prevale l'istinto di sopravvivenza, si reinventa e per mantenere la sua famiglia sposa queste ricche signore...
Chaplin rende Verdoux un personaggio che nonostante i suoi crimini è impossibile da odiare, così mente per la vergognia di aver perso il suo posto di lavoro, quando ci voleva così poco alla pensione, mente con tutti quanti, persino con se stesso, straziante la scena della prova di un omicidio con la donna che ha un gattino in mano che gli racconta la sua storia...non racconto tutto per non rovinarvi la sorpresa...ma vi assicuro che per lui è stato come guardare se stesso allo specchio...infatti la foto di sotto dice molte ma molte cose...
Il film sceneggiato tra l'altro da Orson Welles, prevale di quella drammaticità che solo i grandi geni sanno girare e interpretare, e Chaplin era un genio sicuramente, sicuramente Chaplin ci vuole dire che lo scherzo della vita e della natura umana come nel finale bellissimo di quando ormai in carcere fa il suo discorso finale davanti al giudice e di cui per la prima volta di parla di pena di morte al cinema (il film è uscito nel '47) come dire Verdoux condanato deve morire per avere ucciso...è questa la giustizia?
Ebbene si, perchè la vita è così, dura, crudele - con questo non voglio mica giustificare le gesta di Verdoux nè sono a favore della pena di morte - ed è proprio questo che ci dice Chaplin, che con questo film che tra l'altro ha anche diretto è stato magistrale nell'interpretazione di Verdoux, anche se non rinuncia alla sua verve comica che peraltro in quelle scene ci sta benissimo, ma fanno parte del personaggio quindi più che un difetto è quel piccolo lampo di genio che fa di un film un capolavoro, tanto quale è Monsieur Verdoux



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.