Passa ai contenuti principali

Bright Star

Jane Campion ritorna con Bright Star, un film che riprende lo stile con cui l'ho conosciuta, protagonisti sono il poeta John Keats (interpretato da Ben Winshaw, tenete da parte questo nome) e Abbie Cornish davvero molto bravi, nell'interpretare Fanny e il poeta Keats.
La Campion ritorna con un grande film dopo il passo falso di In The Cut e l'esplorazione orientaleggiante di Holy Smoke con Kate Winslet, si respirano atmosfere romantiche e poetiche, ma quello che colpisce di più sono i colori che in un certo senso avvolgono i protagonisti durante tutto l'arco del film, come per trasfigurare il loro stato d'animo, all'inizio vivi e accesi, poi piano piano più scuri  e cupi.
Fanny è una giovane ragazza con la passione per il cucito, un giorno incontra Keats e ne rimane affascinata, Così inizia a frequentarlo, si innamorano, si fidanzano nonostante le condizioni economiche indigentidi lui e con il benestare (soprattutto verso la fine dopo che anche la famiglia si è affezzionata al poeta) della famiglia di lei, e così nasce l'amore con Fanny che sarà la musa ispiratrice delle sue poesie che lo renderanno immortale tra gli appassionati diletteratura, come sempre Jane Campion sceglie il punto di vista femminile ovvero di fanny che ricorda piuttosto alla lontanta la Isabel Archer di Ritratto di signora.
Certamente una delle migliori pellicole di quest'anno, ispirata, romantica, passionale, realistica, vera Fanny come la Isabel di ritratto di signora dovrà ricominciare dopo questa grave perdita dell'uomo che ama a vivere e a ritornare ad amare.
Jane Campion costruisce un sottile triangolo tra Keats Fanny e Brown l'amico dello scrittore che vorrebbe che lui frequentasse persone diverse da Fanny, molto bella la fotografia come le scenografie e i costumi, la regia della Campion fa vivere i protagonisti aldilà dello schermo cosa rara in questi tempi ma con il pregio di saperli sorprendere senza false emozioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.