Passa ai contenuti principali

Chloe - Tra seduzione e inganno

Un film magnifico, un ritratto di coppia ambiguo dove tutto non è come appare e per una volta (una delle poche volte a dir la verità almeno da quello che ho letto) migliore dell'originale, protagonista una bravissima Julianne Moore per la prima volta diretta da Atom Egoyan protagonista di un intricato triangolo amoroso che mette in scena per tastare il polso al marito farfallone (Liam Neeson, qui molto affascinante) Il gioco di seduzione messo in atto dalla moglie che ingaggia una escort per avere le prove di un tradimento da parte del marito, ma è la escort che dirigerà il gioco di specchi facendo scoprire alla moglie la sua identità sessuale ma Egoyan non si limita solo a condurre il gioco del triangolo amoroso, anche perchè il film non sarebbe stato credibile assolutamente,ma espone il ritratto di una famiglia, la psicologia, i rimorsi, i rimpianti, la vita, il dolore i pregiudizi, le gelosie, gli egoismi, la solitudine e la tristezza, rendendoli credibili agli occhi dello spettatore, riesce a fare entrare in empatia i personaggi del film facendo sentire tutte queste emozioni, in poche parole un ritratto dell'anima e dei sentimenti umani di una donna, di una famiglia e soprattutto l'ambiguità di certi giochi, che se ci sfuggono di mano possono  andare oltre, il finale è tutto da scoprire, ed è più sorprendente di quanto si possa credere, bravissimi tutti gli attori anche Amanda Seyfried (la protagonista del musical Mamma Mia! con Meryl Streep) nel ruolo di Chloe risulta naturale e credibile in un ruolo dark da femme fatale che la rende affascinante, Liam Neeson non c'è bisogno di dire quanto sia bravo anche in questo film no? Consigliatissimo.

Commenti

  1. a me non è piaciuto proprio.
    un film esteticamente perfetto, ma che mi ha lasciato totalmente freddo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.