Passa ai contenuti principali

Ladybird Ladybird

Un film straziante, lacerante, Ken Loach racconta con il punto di vista della protagonista il tema della maternità, Maggie che per i servizi sociali è una madre inaffidabile solo perchè una  sera c'è stato un incidente di cui non ne aveva colpa è scoppiato un incendio a casa sua e le tolgono i suoi 4 figli, quando finalmente trova l'uomo giusto e con lui ha due bambine gliele tolgono pure, particolarmente straziante la scena della nascita della seconda bambina avuta dall'esule del paraguay ce si rivela essere quello giusto per lei, in  cui le tolgono dal ventre la bambina e non gliela fanno neanche abbracciare, qui rivela tutta la crudeltà delle "istituzioni" che invece di aiutare non fanno avvolte che peggiorare le cose Loach si rivela direttamente allo spettatore facendogli capire il dolore di maggie e soprattutto sottolineando cosa si farebbe al posto suo, perchè le domande fondamentali sono, chi può decidere com'è una buona madre? Chi può stabilire come si può comportare un essere umano per essere un buon genitore? Nessuno nasce genitore, ma lo diventa, e non esistono al mondo guide per essere ottimi genitori, ma tramite l'esperienza della vita e l'amore per i figli si cerca di dare il meglio di se, con tutti gli errori che umanamente si possono commettere, e Loach da uomo è capace di far provare allo spettatore tutti questi sentimenti senza falsi moralimi, o senza lacrime facili, ma spiazza, mettendo in scena la crudeltà degli esseri umani e la bizzarria della vita (cito la scena in cui maggie racconta di essere stata violentata dal padre e che allora nessuno gliela ha tolta) film tratto da una storia vera e interpretato divinamente da Crissy Rock, attrice comica qi alla sua prima prova drammatica che risulta davvero convincente, no che dico è bravissima altro che per non parlare della regia di Loach, autore che ha sempre un occhio di riguardo verso il proletariato inglese, la domanda più importante di tutte è cosa fareste voi al posto di maggie?
Da non perdere assolutamente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.