Passa ai contenuti principali

Le Fate ignoranti

Uscito nel 2001 è il film che ha rivelato sia il talento del regista Turco Ferzan Ozpetek che anche l'attore Stefano Accorsi, un opera interessante, ben scritta coinvolgente, una commedia che ricorda anche alla lontana certi film di Almodovar per le fate ignoranti Ozpetek sceglie come protagonista femminile Margherita Buy, la migliore attrice italiana nel ruolo di Antonia donna che dopo la morte del marito scopre casualmente delle carte che non aveva visto e crede che Massimo (il marito di Antonia) aveva un altra donna, la sorpresa non tarderà ad arrivare, ben presto capirà che suo marito non aveva un altra donna, ma frequentava un altro uomo Michele, (Accorsi) non nascondo nulla nel rivelarlo, nonostante la gelosia iniziale e cercare di comprendere il perchè di questa relazione Michele e il suo gruppo di amici la aiuteranno a ricominciare daccapo una nuova vita sorprendente la regia di Ozpetec che accompagna con leggerezza quasi con tenerezza lo spettatore verso quel mondo, tanto da far si che ti senti già dentro il film e accanto ai protagonisti da notare anche la partecipazione di Gabriel Garko (per altro molto bravo qui) nel ruolo del gay Malato di Aids, un ruolo sofferto che Garko interpreta con naturalezza...
Così Antonia intraprende un viaggio di trasformazione, e diventa membro di quella famiglia allargata che la aiuterà a maturare e a vedere le cose in maniera più ampia allontanandosi dalla vita borghese che conduceva, gli attori sono tutti bravissimi, bellissima anche la colonna sonora firmata da brani turchi e latini, naturalmente è travolgente anche la regia di Ozpetek, che ci regala un piccolo capolavoro da collezionare, uno dei tanti del cinema italiano troppo spesso messo da parte per filmetti fracassoni americani che fanno tendenza ma che non hanno lo stesso charme e la stessa forza emozionale - apparte il fatto che il film uscì nel 2001 ed è stato uno dei grandi successi della stagione - uno dei piccoli grandi gioiellini del cinema contemporaneo davvero da collezzionare, unica nota stonata (se vogliamo essere cattivi) la scena dell'incidente potevano farla benissimo in un altro modo non prendendo spunto da ti presento Joe Black.

Commenti

  1. Il film non mi è dispiaciuto, anche se ho trovato tutta la faccenda un po' inverosimile...

    RispondiElimina
  2. in effetti non è dispiaciuto neanche a me anche se veramente la scena della morte del marito potevano farla in un altro modo ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.