Passa ai contenuti principali

#LaPromessa2022 - Con gli Occhi Chiusi

 

Continua la rassegna de #LaPromessa2022, un altro film italiano protagonista quest'anno, il secondo diretto da una donna Francesca Archibugi, di cui ho scelto Con gli occhi chiusi una malinconica storia d'amore, difficile e tormentata tra due ragazzi cresciuti praticamente insieme.
Pietro e Isolina sono cresciuti insieme, lui è spinto dalla madre con la passione per la poesia, mentre il padre è un bifolco e burbero, che vorrebbe il figlio impegnato in cose da uomini.
Pietro si innamora di Isolina, finché un giorno lei sparisce e comincia a prostituirsi, a nulla valgono le strane voci in città, lui ama Isolina, e lo fa con gli occhi chiusi, non volendo vedere la verità in faccia, e credendo nella virtù della ragazza.
Quando si troverà di fronte alla realtà per il giovane sarà uno shock.
Da sempre Francesca Archibugi porta sullo schermo storie difficili e complesse, e questo film non fa eccezione, narrando una storia d'amore illusoria, ma vissuta sinceramente per quanto riguarda il ragazzo, Pietro, il cui amore viene messo a dura prova di fronte alla dura realtà della vita.
Dicevo un film difficile, girato con maestria da una regista capace di sporcarsi le mani, e scusate se è poco.
Protagonista è Deborah Caprioglio, ma Stefania Sandrelli, ci dona un personaggio sofferto, continuamente sopraffatta da un marito borioso, e anaffettivo.
Il film stesso è molto toccante, una storia magari non per tutti, ma che è difficile da mandare giù, un opera dove i sentimenti cercano di cancellare una realtà impossibile da accettare, e dove l'amore ci da l'illusione di un qualcosa di irraggiungibile.
A me il film è piaciuto, forse non è perfetto, ma nella sua imperfezione ci mostra un lato dell'amore che cerca di sfidare le convenzioni sociali, ma che purtroppo, sono insite dentro ognuno di noi, che siamo incapaci o non vogliamo vedere la realtà che ci circonda.
Un film in cui i pregiudizi sono più forti dei sentimenti, dove ognuno si ritrova stretto nel suo piccolo mondo, vorrebbe uscirne ma ne ha paura, e tanto altro ancora.
Forse c'è una forzatura nella sceneggiatura, ma considerando la qualità dell'opera in questione, si può perdonare qualche forzatura a una regista che ha avuto il coraggio di raccontare una storia vissuta con gli occhi chiusi, e non è stato capace di cancellare ogni pregiudizio.
Bello, molto bello.




Commenti

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.