Passa ai contenuti principali

Avatar

Ho visto Avatarrrrr...che dire, mi ha incollata allo schermo per tutto il tempo della visione, una pellicola che io definisco un capolavoro assoluto, molti dicono che è il film che cambierà per sempre la storia del cinema, sapete che ci credo? Bene, il film diretto da James Cameron, che ritorna dopo il grande successo di Titanic e che nemmeno con questa pellicola smentisce la sua fama di grande regista che molti accostano (ma io credo che esagerino anche se Avatar è l'eccezzione alla regola) a Cecil B De Mille, per quanto riguarda che non bada a spese, ma parliamo del film che è ricco di avventura, magico, e naturalmente in 3 D, non mancano scene entusiasmanti, se con Titanic vi siete impressionati vedrete con Avatar quello che succede, gli umani invadono il pianeta Pandora, dove vivono i Na'vi, la popolazione indigena che abita il pianeta, e mandano sul posto Jake Sully, un marine che ha sostituito il fratello nella missione, l'obbiettivo degli umani è di colonizzare Pandora per prendere un minerale prezioso per la terra, quando Jake ottiene la fiducia dei Na'Vi e si innamora di Neytiri, una guerriera della tribù Na'Vi che lo ricambia e lo guida nella vita del pianeta, ben presto le cose precipiteranno quando la tribù considererà Jake un traditore perchè gli umani della RDA li hanno invasi facendo crollare la loro dimora, Jake non avendo colpa alcuna fa il tutto cio' che gli è possibile per ripristinare la fiducia di quel popolo verso di lui, combatterà persino i suoi stessi compagni per salvare i Na'Vi, in un susseguirsi di scene d'azione e d'avventura in cui non mancheranno anche gli usi e i costumi di questo grande e fiero popolo. Alla fine Jake riconquisterà la fiducia nei Na'Vi riappacificandosi con Neytiri, riuscendo a salvare pandora, alla fine rimarrà con Neytiri e lascerà il suo corpo umano.
Considerazioni, lo voglio dire perchè me le sento nel cuore, dopo il signore degli anelli uscito nel 2001 e che ho trovato allora straordinario, adesso Avatar adesso merita un posto di riguardo proprio come la trilogia di Jackson, si lo so sono due film totalmente diversi ma per i contenuti, per la trama etc...li ho trovati straordinari, sia il primo uscito a inizio terzo millennio che per me è un capolavoro , che Avatar uscito quest'anno, in poche parole per me sono due grandi film che meritano di essere visti e collezionati, premetto che non è un paragone, ma solo un indicazione per dire ehy dopo la trilogia di Jackson Avatar è uno dei miei preferiti, anche se Avatar rispetto alla trilogia di Jackson è più innovativo e gli effetti speciali sono rivoluzionari, Cameron si conferma un grandissimo autore, non mi stupirei che Avatar un giorno venisse citato tra i capolavori assoluti del terzo millennio.

Commenti

  1. Anche a me è piaciuto tantissimo Avatar e non lo trovo per niente un'americanata come è stato descritto varie volte. Lo paragonano a Pocahontas per la storia d'amore (anche se storicamente non si può dire che ci sia stata una vera storia d'amore), ma Jack Sully è stato molto più decisivo rispetto a John Smith e alla fine è rimasto. Dicono che è banale la storia però se si vuol guardare bene è la prima volta, ma potrei anche sbagliarmi, che è stata trasposta nel futuro e non tanto lontano. E poi la spiritualità degli indigeni raccontata magnificamente senza sembrare new age, ma antica come la Madre Terra (la loro, la nostra è stata uccisa come dice Jack Sully)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.