Passa ai contenuti principali

An Education


Scritto da Nick Hornby, e diretto dalla regista danese, Lone Scherfig, è la storia di Jenny, una studentessa che incontra per caso David, un uomo sui trentanni che la attira per i suoi modi e per i suoi interessi, Jenny però ha quasi 17 anni, e sogna di vivere ma soprattutto di crescere con gente che ha più o meno i suoi stessi interessi, l'incontro con David sarà per lei la soluzione adatta per uscire dal grigiore della sua vita, e della rigida scuola, così con David e due suoi amici, frequenta locali, va a delle aste, partecipa a delle feste, insomma fa la vita che ha sempre sognato, con buona pace dei genitori con cui David è entrato in sintonia, ma ci sono cose nella vita di David che Jenny non sa, e il risveglio dalla realtà e dai suoi sogni la porterà a rientrare verso il college e alla vita che si era prefissata di seguire...

Un film interessante, dal punto di vista sociologico (è ambientato nella londra del 1961), si vede questa giovane, l'attrice protagonista è bravissima, che incontra una persona più grande di lei, con cui può parlare e confrontarsi su tutto, si innamora di lui, ci fa l'amore per la prima volta, tutto sembra andare per il meglio, fa le esperienze che ha sempre sognato di fare, i viaggi che ha sempre voluto fare, ma tutto questo porta delle conseguenze, Nick Hornby si ispira alle memorie della giornalista inglese Lynn Barber, per portare sullo schermo un piccolo racconto di vita che è un piccolo grande film, dalla parte delle ragazze, c'è la vita in questo film, la vita e anche i suoi imprevisti, entrambi i protagonisti, lei con il suo entusiasmo e la fretta di cominciare la sua vita, lui con i suoi abiti eleganti e il suo aspetto da giovanottone sono entrambi fuori tempo, il messaggio del film è proprio quello non di vivere la vita come si presenta, ma imparare che a tutto c'è un tempo stabilito, da antologia la scena in cui Jenny entusiasta della richiesta di matrimonio di David lascia la scuola, ma la scena migliore è quando la professoressa le dice di non lasciare gli studi, perchè le spezzerebbe il cuore, nel volto dell'attrice c'è il dolore della perdita di Jenny segno che lei ci teneva veramente ai suoi studi. Da vedere assolutamente.

Commenti

  1. un bel film. mi è sembrato che gli mancasse qualcosa per renderlo un grande film, ma magari da un punto di vista femminile è più facile cogliere maggiormente alcune sfumature della storia. splendida l'atmosfera 60s

    ne ho scritto anch'io qui
    http://pensiericannibali.blogspot.com/2010/02/we-dont-need-education.html

    RispondiElimina
  2. si è vero, oltretutto ho notato quando lei si innamora di lui, è capace anche a rinunciare allo studio, la malinconia nel volto della professoressa è una delle cose che mi è rimasta più impressa :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…