Passa ai contenuti principali

American Psycho

Ennesimo film Thriller sull'onda Serial Killer, però questo film è tratto da un romanzo, American Psycho di Breat Easton Ellis, ambientato nel mondo degli yuppies anni ottanta, ed è proprio in questo vuoto che vive Patrick Bateman, interpretato da Christian Bale, che nonostante la buona interpretazione sembra davvero un pupazzo impomatato da miriadi di creme e lozioni che usa  per il suo aspetto fisico curato maniacalmente - notare la scena inziale del film da vero panico, casa anzi attico sulla central park west arredato modernamente, asettico - alla ginnastica mattutina, si inizia a concepire la psiche malata di questo giovane psicopatico, l'unico difetto se così si può chiamare è che la regista ne fa quasi un feticcio di Bateman, e lo spettatore rimane attratto dal protagonista.
Bateman se di giorno è un intransigente broker Newyorkese, di notte diventa uno psicopatico assassino...i paragoni con altre pellicoli migliori si sprecano, perciò American Psycho pur interessante non regala nulla di nuovo nel filone serial Killer ed ha un finale inaspettato e incomprensibile...peccato.
Nonostante ciò, il film si lascia vedere tranquillamente, però io al posto della Harron avrei osato maggiormente, magari con una traduzione più personale del romanzo di Ellis e avrei tratteggiato la psiche malata del protagonista, Christian Bale d'altro canto recita bene, lo script rimane forse il punto debole, ad esempio il personaggio di Willem Dafoe prima appare e poi scompare nel vuoto, ci sono parecchi buchi vuoti che sarebbe stato opportuno riempire per rendere ottima la pellicola, ma d'altronde succede questo quando i film sono tratti da romanzi.

Commenti

  1. christian bale per me offre qui una delle performance recitative più strepitose, ironiche e fuori di testa nella storia del cinema!
    il resto dell'adattamento dal capolavoro di ellis poteva anche essere fatto meglio, anche se da un testo del genere non era facile..
    comunque per me è un gran film!

    RispondiElimina
  2. infatti io parlavo più della forma del film che della recitazione di Bale, che resta un ottima performance, si lui è fuori di testa da panico avvolte hahaha...

    RispondiElimina
  3. inoltre parlavo della prima scena, se ci fai caso davvero cura maniacalmente il proprio aspetto tanto da diventare un pupazzo, e lui lo fa talmente bene da inquietare

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.