Passa ai contenuti principali

Rosemary's baby

Se ci possono essere semplici parole per descrivere Rosemary's baby sarebbero un horror che rasenta la perfezione, niente è lasciato al caso, un condominio pieno di vecchietti amorevoli, a cui ti affideresti ad occhi chiusi, avvolte questi vecchietti sono persino invadenti per compiacerti, per darti una mano, gentilissimi e amorevoli, ma sembra troppo perfetto per essere vero, il marito di Rosemary, Guy, è un attore che dopo l'incidente di colui che ha ottenuto il ruolo da protagonista in un film ottiene la parte, dopo che l'attore che è stato scelto al suo posto diventa cieco, eventi sinistri sembrano circondare la coppia sotto il loro naso, ma non si accorge di nulla, finchè una sera dopo che la donna ha mangiato una mousse dallo strano sapore cade in una sorta di trance dove vede i suoi vicini, prima in una barca per intraprendere un viaggio, poi quelle stesse persone la coricano in un letto dove un mostro la possiede, ma cosa è successo? Chi è quel mostro? Dopo un po' di tempo la vita per Rosemary's cambia notevolmente i capelli si accorciano, indossa la collana, insomma diventa un tuttuno con il piccolo mondo di quel condominio, ma solo in apparenza, ben presto si accorge di essere incinta, e tutti quanti i condomini, compresi i simpatici vecchietti che sono loro vicini di casa, si prendono cura di lei, e le fanno bere uno strano miscuglio, ma il suo corpo inizia ad avere strani cambiamenti, ha delle strane occhiaie, è dimagrita, e ha dei dolori addominali piuttosto strani, la donna vuole andare da un medico, ma tutti glielo sconsigliano, consigliandole solo di bere quella specie di pozione se si può chiamare così...la realtà che scoprirà piano piano, sarà agghiacciante, i vecchietti amorevoli in realtà nascondono qualcosa di malefico, di oscuro, e sarà come entrare in un vortice da cui uscire sarà impossibile...
Roman Polanski dirige il suo capolavoro assoluto secondo il mio parere, un film che non ha nessuna scena impressionante, ma che trasmette angoscia e tensione da far venire la pelle d'oca sin dalle prime inquadrature, la paura come si può trasmettere allo spettatore in un film senza nessuna scena impressionante? Semplice con la psicologia, con i vestiti color confetto, con l'aspetto rassicurante, dei vecchietti amorevoli a cui daresti fiducia senza pensarci due volte, è così che il male agisce? Si agisce esattamente così, il finale incredibile non lascia respiro allo spettatore, Polanski da grande regista qual'è usa la telecamera per sottolineare il tutto, l'angoscia della protagonista, quel mondo tanto perfetto ma che perfetto non è e che cela chi è il padre del bambino che Rosemary aspetta? Satana ovviamente, il marito alla fine le dice che ha fatto un patto col diavolo per ottenere fama e successo, in cambio ha dato un figlio per ripagare di cio' che ha ottenuto unendosi ad una specie di congrega satanica. DA COLLEZZIONARE ASSOLUTAMENTE!!!


Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…