Passa ai contenuti principali

Source Code

Che sorpresa l'opera seconda di Duncan Jones, se con Moon si è rivelato la sorpresa, con Source Code non si smentisce, anzi dirige un film sorprendente, che incolla lo spettatore dall'inizio alla fine, e non è poco per un giovane regista.
Protagonista stavolta il bravissimo Jake Ghyllenhaal attorniato da Michelle Monaghan e Vera Faminga, in quello che sembra essere un thriller fantascientifico, per fermare un attentato ai danni di un treno, una corsa contro il tempo usando la tecnica del source code, che non è un semplice viaggio nel tempo, ma una nuova tecnica che permette di cambiare gli eventi vivendo un particolare momento, ed è quello che succede al pilota Colter Stevens, che si risveglia di colpo su un treno non capendo come ci è arrivato, egli dovrà avventare un attentato, e per farlo deve rivivere il momento esatto da quando si sveglia fino a quando esplode il treno, lui deve evitare l'esplosione del treno, in un crescendo di tensione ricco di colpi di scena, non scade mai nella  noia, anzi ha il pregio di intensificare la curiosità nello spettatore, e non è facile di questi tempi con film di fantascienza preconfezionati stile Michael Bay, Jones da la sua impronta precisa al film, utilizzando la tecnologia che verso la fine si rivelerà una sorpesa, sorpresa che non vi dico perchè dovete vedere il film per scoprirlo.
D'altronde Jones dimostra talento, cosa volete  di più?
Correte a vederlo.

Commenti

  1. Questi due film (Moon e Source Code, intendo) sono la dimostrazione lampante che quando un regista è un Autore con la 'A' maiuscola lo rimane sempre e comunque, indipendentemente del budget a disposizione. Ho sempre giudicato i film in base alla loro qualità artistica e non in base ai soldi: è sciocco e spocchioso 'bollare' una pellicola come 'commerciale' in senso dispregiativo, come se fare un film ad alto budget sia di per sè sinonimo di scarsa qualità. Il caso di Jones è evidente: 'Moon' è un film concettuale e 'filosofico', già un piccolo cult. 'Source Code' è un film che si rivolge ad una platea più vasta e certamente molto più muscolare, ma la genialità è evidente in entrambi. Sono due ottimi film di estrazione opposta, ma ugualmente validissimi. Questo Mr. Jones ci sa fare, c'è poco da dire...

    Ho scritto anche una mia recensione su 'Source Code'. Per chi interessa:

    http://solaris-film.blogspot.com/2011/04/source-code-usa-2011-di-duncan-jones.html

    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.