Passa ai contenuti principali

Canone Inverso

Questa è la storia di come avvolte il destino può far riunire sotto lo stesso tetto due persone, che poi diventano amicissimi per poi scoprire di essere figli dello stesso padre, non appena un violino, l'oggetto che hanno in comune viene estratto per suonare, i due giovani inconsapevoli sono Jano e David che hanno come punto in comune un brano chiamato canone inverso che la madre di Jano canta al piccolo e che David conosce perchè gli è stato regalato dal padre, i due giovani si incontrano all'accademia della musica e subito diventano amici, mentre Jano si innamora di Sophie una pianista ebrea - siamo ai tempi della seconda guerra mondiale - e che segnerà irrimediabilmente il suo destino, nonostante la ragazza sia sposata si innamora ricambiata  di Jano.
Il film inizia con l'asta di un violino in cui Un anziano signore è in competizione con una giovane per ottenere quel pezzo pregiato, come se volesse impossessarsi di un passato che lo ha segnato nel profondo a cui viene raccontato da Costanza una ragazza che gli chiede il violino...
Un amore, un amicizia, un segreto che viene rivelato a poco a poco attraverso le note di quel canone inverso che diventa la rivelazione di una verità che sconvolgerà impietoso le vite dei due amici che scoprono di avere lo stesso padre ma madri diverse, infatti Jano è figlio illeggittimo del padre di David, che per questo motivo il secondo lo escluderà dalla sua vita lacerato da un dolore che il tempo non rimarginerà e vedrà il suo culmine più doloroso durante il concerto quando le loro vite si separeranno per sempre...
Un film coinvolgente ed intenso, una produzione italo straniera per Ricky Tognazzi che dirige un opera talmente profonda e commovente da centrare al bersaglio al primo colpo, bravissimi tutti gli attori tra cui spicca Gabriel Byrne e Hans Matheson e Mélanie Thierry Canone Inverso è uno di quei film sottovalutati che fa piacere riscoprire, un piccolo capolavoro da collezionare consigliatissimo anche perchè non è da tutti i giorni avere pellicole italiane così interessanti e fatte bene, bravissimo Ricky Tognazzi alla regia, ottima la sceneggiatura di Graziano Diana e Simona Izzo, insomma collezzionatelo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.