Passa ai contenuti principali

Una cena quasi perfetta

                                                                 Riguarda & Recensisci

Per Riguarda & Recensisci oggi abbiamo la commedia nera Una cena quasi perfetta diretta negli anni novanta da Stacy Title.
Un gruppo di giovani, moderati e democratici invita a cena una persona che la pensa diversamente da loro: scopo della cena è ripulire il mondo da chi secondo loro lo sta rovinando, tutto bene finchè non invitano un politicante che li mette a dura prova...

Una trama costruita a pennello, una tensione che cammina lungo il filo di un rasoio e un ironia tagliente e marcatamente black che accompagna il film dall'inizio alla fine.
L'opera prima di Stacy Title viaggia su binari ambivalenti, perchè essere democratici è un bene, ma eliminare chi non la pensa come loro?
Non da l'effetto opposto di chi vuole avere un pensiero unico seppur giusto, diventerebbe ovviamente il male perchè c'è sempre chi la pensa diversamente da te.
Si eliminerebbe la democrazia, e la libertà di pensiero.
Anche se sinceramente parlando questo viene sottolineato in maniera ironica e pungente da una regista in evidente stato di grazia, e da un cast di attori i cui personaggi vogliono rendere il mondo un posto migliore, come fare allora?
Semplice, eliminando chi ha un punto di vista opposto al proprio, che secondo loro rappresenterebbe il male, uccidono un prete che secondo lui i gay sono il male, uccidono un musulmano, uccidono un insegnante perchè secondo lei il romanzo il giovane holden è una porcheria, e tanti altri ancora.
Ripulire il mondo da chi secondo loro lo sta rovinando è veramente una cosa buona?
In sintesi è questa la domanda di questa commedia nera che non perde mai il suo fine ultimo. Ovvero divertire e pensare.
In conclusione una divertente commedia nera da vedere per riflettere sul vero male del mondo, e forse anche sul bene, forse per accettare anche chi la pensa diversamente da noi anche se non condividiamo il suo punto di vista.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Ricordo quando lo vidi in tv, Italia 1 lo mandò in onda in una sera sanremese.
    Mi piacque molto, anche se molti dialoghi li capii solo anni dopo (all'epoca ero molto piccolo).
    Lascia molti spunti per pensare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.