Passa ai contenuti principali

Sacrificio

Tarkovskij dirige grazie a Ingmar Bergman, che ha appoggiato il suo progetto Sacrificio, è un film difficile da recensire, o anche da spiegare, ed è basilare esprimere le concezioni di un opera tanto complessa quanto affascinante, quindi mi esprimo attraverso le sensazioni che il potere delle immagini hanno saputo trasmettermi.
Un piccolo uomo, Alexander, che adora suo nipote, arrivato per festeggiare il suo compleanno con i genitori, si vede il mondo che conosce crollargli addosso per una catastrofe, una guerra nucleare in cui tutta l'umanità è in pericolo, allora lui prega dio di riportare tutto come era prima e salvare il mondo in cambio del suo silenzio....
In questo film c'è il richiamo della natura, e ovviamente l'immancabile acqua, simbolo di purificazione interiore e che si ritrova come elemento chiave nel cinema di Tarkovskij, ma c'è anche un richiamo a Ingmar Bergman, ed ecco perchè parlavo della complessità dell'opera cinematografica, come se l'incontro tra due grandi autori cinematografici, ha avuto il potere di mescolare le carte tra, temi ricorrenti, filosofie, l'uomo al centro di un problema gravissimo, e ovviamente la natura circostante, ed è proprio questa la forza e la potenza di questo film, che viaggia anche su un tema surrealista come se tutto quello che fosse successo sia un sogno, oppure l'immaginazione di Alexander, o forse è frutto di una allucinazione.
La trama del film è piuttosto semplice, ma la cosa che lo rende grande è ovviamente il tema raccontato, già dall'inizio vediamo Alexander con suo nipote seduti sotto un albero ad ascoltare la natura, con gli occhi chiusi, in pace, come per godere ciò che Dio ha creato, c'è un silenzio pacificatore, interrotto soltanto dall'arrivo di un postino e dall'arrivo dei parenti venuti a festeggiare.
L'elemento onirico dell'opera è ovviamente la parte più interessante, Dio ha messo alla prova l'uomo? Oppure Alexander ha salvato il mondo con il suo sacrificio? Oppure ancora Alexander può essere visto come una specie di eletto in un mondo dove non esiste più la concezzione di sacro, per questo i familiari lo riterranno pazzo...
In conclusione un capolavoro ingiustamente snobbato a cannes per la palma d'oro, un opera emozionante sorretta da due grandi autori e un grandissimo attore Erland Josephson, prestato per l'occasione da Bergman a Tarkovskj.
Da non perdere assolutissimamente.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.