Passa ai contenuti principali

Shivers - Il Demone sotto la pelle


Lo ammetto, sono una grande amante del genere horror, e visionando l'opera prima di Cronenberg (vista tra l'altro qualche giorno fa) mi sono accorta che il mio amore per il genere va aldilà di quello di cui immaginavo o sospettavo.
Nell'opera prima di David Cronenberg già si presentano i carattristici temi del suo cinema che lo renderanno famoso nel mondo, la mutazione, il raccapriccio, l'epidemia, e Shivers ( In italiano il Demone sotto la pelle) non è il classico horror (quello che amo è lo psicologico, quello che ti fa saltare in aria e voltare dietro le spalle), ci sono scene impressionanti, una fra tutte quando il primo contaminato dal virus contaggia il suo vicino con la misteriosa creatura dentro il suo corpo.
E' uno scenario da apocalisse quello presentato da Cronenberg in questo film, non c'è via d'uscita, non c'è via di scampo, tutti prendono questo virus che li trasforma in zombie affamati di sesso e carne umana, dei mostri, incapaci di reazioni, incapaci di umanità e incapaci di esprimersi autonomamente, tutto inizia con l'omicidio di una ragazzina, che tra l'altro ha contagiato di cui parlavamo poco fa, un medico la uccide per cercare di fermare il virus e salvare vite umane, ma è tutto inutile poichè il virus è destinato a contagiare tutti gli abitanti del palazzo rendendoli incapaci di una loro personalità propria.
Il film non è un capolavoro, ma appare un opera interessante e a tratti (ma assolutamente si nota pochissimo) raccapriccianti, è stato comunque interessante visionare questa opera prima, comunque consigliatissimo ai veri estimatori dell'horror.

Commenti

  1. Concordo in pieno.
    Per gli amanti dell'horror, ma non solo, come ogni vera chicca di Cronenberg.

    RispondiElimina
  2. eh si, devo terminare di vedere i suoi film il mese prossimo ritorna con la rassegna e terminerò di recensirli tutti i suoi film, questo film è agghiacciante a dir poco ma già si nota il suo grande talento :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.