Passa ai contenuti principali

Rabid - Sete di Sangue


Proseguendo con il cinema di David Cronenberg, ho appena visto Rabid Sete di Sangue, opera numero due di questo regista, che dire, dimenticate il classico horror vampiresco, dimenticate aglio, croci e altri gingilli con cui il cinema ci ha fatto conoscere ma soprattutto amare i film di vampiri (quelli veri non quelli fasulli che vanno di moda oggi) Cronenberg non si tradisce mai, i suoi temi ci sono tutti quanti, ma questa volta il vampiro è femmina, ed è vittima della scienza, infatti le scene più paurose sono quelle in ospedale, paurose nel senso che fanno impressione per la tensione più che per le scene saguinolente, allora iniziamo con il dire che per la sua opera seconda Cronenberg sceglie la pornostar Marilyn Chambers, tra l'altro in questo film è bravissima, che presta il volto e soprattutto il corpo alla protagonista Rose, vittima di un incidente stradale prima, e poi delle manie di uno scenziato che risulterà più pazzo di tutti i medici che gli stanno intorno, pur di salvarla la sottopone a un suo esperimento trapiantandole la pelle di persone defunte, risultato si sveglia con una grande sete di sangue umano, grazie anche a uno strano pungiglione che le esce dall'ascella, e che contagerà un sacco di persone...
Il film è un crescendo di situazioni ad altissima tensione, e naturalmente l'ho trovato di livello superiore rispetto alla sua opera prima - Il demone sotto la pelle - che ho recensito qualche giorno fa, Cronenberg diceva di questo film che più che un horror è un melò e secondo me gli ingredienti ci sono tutti, anche se io considero questo film un horror a tutti gli effetti, però ha voluto dare anche un che di drammatico alla storia, non si è limitato solo al genere horror, diciamo che gli ha dato un anima, con anche una velata critica verso gli scenziati, che credono di fare del bene e invece come in questo caso fanno solo danni, Rose non sarà più la stessa persona, la sua sarà una discesa verso il buio senza più trovare la luce, quindi è più vittima lei che si sveglia con questa sete di sangue per colpa di questo scenziato (la scena di quando taglia il dito all'infermiera mi ha fatto chiudere gli occhi) che per colpa sua contagia l'intero paese...non c'è speranza per lei, quindi decide di fare un passo tragico per liberarsi di tutto questo orrore...consigliatissimo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.