Passa ai contenuti principali

LILJA 4EVER


Di solito il cinema è puro intrattenimento, serve a fuoriuscire dalla realtà che ci circonda, sono pochissimi i film che mostrano una realtà dura, lacerante, dolorosa, Lilja4ever è uno di questi film, magistralmente diretto da Lukas Moodyson, che già nell'incipt mostra la nostra protagonista in fuga, con il volto tumefatto in cerca della libertà perduta, poi dopo questo flashforward la ritroviamo in Russia, che vive con la madre un ex prostituta che ha deciso di andare a vivere in America con il suo nuovo amore, prima sorpresa, Lilja non potrà partire insieme a lei, ma dopo qualche mese la potrà raggiungere e qui c'è la scena che mi ha fatto veramente emozionare fino a rischiare di piangere a dirotto, le urla laceranti della ragazza che prega quasi in ginocchio sua madre di non abbandonarla, e la superficialità della donna che non perde tempo per rinunciare alla patria potestà verso di lei sbarazzandosene come si fa con una scarpa vecchia, qui conoscerà una realtà crudele, persino la sua migliore amica (che a proposito si prostituisce) la accuserà di fare la prostituta per scamparla con il padre visto che ha trovato i soldi, così questa ragazza diventa un bersaglio, un caprio espiatorio, senza un punto di riferimento su cui contare, e senza un adulto che le porga la mano, l'unico che è veramente sui amico è un bimbo che lei ha salvato dal suicidio quando il padre lo ha cacciato di casa, che diventa una luce in un mondo senza più luce nè speranza, quando anche la zia l'abbandona Lilja inizierà a prostituirsi e qui conosce un ragazzo di bell'aspetto che le promette un futuro migliore, dicendole che la farà lavorare in Svezia, ma sarà una discesa agli inferi ancora peggiore di quella che ha lasciato in Russia, Lijia è ancora più sola di prima, in balia di un uomo che la sfrutta vendendola a chiunque come un oggetto e minacciando di chiamare la polizia se lei scappa, ma alla fine sarà proprio il ragazzino, ovvero il suo migliore amico a farla scappare, e lei finalmente si libererà finalmente lasciando dietro di se un desiderio di come sarebbe stata la sua vita se avesse rifiutato l'offerta di Andrei.
In conclusione un piccolo grande film, realistico, vero, da collezionare.
Capolavoro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.