Passa ai contenuti principali

Triplo Gioco


Triplo gioco, in originale Romeo is Bleeding è uscito all'inizio degli anni novanta, sulla scia del successo di Basic Instinct, film al quale è stato ingiustamente accostato, sia per la differenza di contenuti, che per la qualità e per il cast.
Ci troviamo di fronte a un film coinvolgente e a livello superiore rispetto al blockbuster con cui Sharon Stone è diventata una diva, innanzitutto abbiamo come protagonisti due pezzi da novanta, Gary Oldman, e Lena Olin è una sceneggiatura questa volta scritta da una donna, Hillary Henkin, scritta benissimo.
Il film è nero, nerissimo, denso di colpi di scena, protagonista è un poliziotto corrotto, Jack Grimaldi, (Oldman) che di tanto in tanto fa dei "servizi" per il boss falcone, uno dei quali vede coinvolta la temutissima mafiosa russa Mona Demarkov, colpevole di aver massacrato il testimone chiave di un processo contro il boss per il quale Jack lavora, Falcone.
Mona non avendo rispettato i patti adesso vuole riscuotere il suo denaro, denaro che ovviamente Falcone non le vuole dare, così assolda Jack per farla fuori, ma si troverà ben presto coinvolto in un gioco più grande di lui, Mona gli offre la somma di falcone moltiplicata per cinque volte se la aiuta a fargli credere che l'ha uccisa, lui rischiando il tutto accetta, ma si troverà dentro una morsa del ragno in cui rischierà di perdere anche la propria vita.
Il film è una discesa agli inferi senza possibilità di redenzione, in cui un semplice patto può cambiare le carte in tavola e risucchiarti in un inferno in cui è impossibile uscire, urlare, o scappare.
Alla fine, si troverà solo, perso in un bar a sfogliare foto di una vita che non gli appartiene più.
Il film è un ottimo noir, un buon film capace di coinvolgere lo spettatore, con sorprendenti colpi di scena, soprattutto verso la fine.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.