Passa ai contenuti principali

A Bigger Splash

Dopo aver recensito Chiamami Col Tuo Nome, ho voluto recuperare l'altro film della trilogia dell'amore di Luca Guadagnino, e così una mattina di marzo, ho visto anche A Bigger Splash.
A differenza degli altri due film si presenta come un film dalla struttura più inquietante, come un noir, un giallo, dove non tutto è come appare.
Protagonista è una cantante, che è in vacanza con il suo nuovo compagno, ma il suo ex la raggiunge con la figlia...e qui scatta di nuovo l'attrazione tra i due ex amanti, fino all'epilogo finale e drammatico che non rivelo per non rovinare la sorpresa.
Possiamo definirlo un giallo sentimentale? Possiamo definirlo un noir dell'anima? Queste definizioni gli calzano senza dubbio a pennello, anche perchè la recitazione di Ralph Fiennes è la classica ciliegina sulla torta che rende il film sorprendente.
E pensare che è un remake...un remake girato strepitosamente bene.
Mi è piaciuto, anche se non è decisamente un capolavoro ma poco importa, perchè a farla da padrone sono gli attori, la regia strepitosa di Guadagnino, che dalle mie parti si è fatto perdonare lo scivolone di Melissa P, e anche la sceneggiatura.
Non l'ho messo nei great movies, perchè è un remake, e si sa, che i rifacimenti hanno sempre qualche difettuccio.
Brava anche Dakota Johnson, nel ruolo di piccola dark lady dall'aria innocente.
Tilda Swinton è un mostro di bravura, chissà perchè a questa attrice non la incensano di lodi per ogni film che interpreta, a me piace molto, e anche in questo film dimostra di essere grande, ma daltra parte, bisogna lasciarsi andare ogni tanto e esprimere un parere genuino, netto di ogni sensazione che ti da il film che vedi.
Proprio come è successo a me durante la visione, l'opera di Guadagnino mi ha catturata, e conquistata, tanto da voler vedere anche la sua opera prima, che vedrò prestissimo, se avrò il tempo tra un film, e una serie tv, e il romanzo a cui sto lavorando...
Per me merita più di una visione.
Voto: 7

Commenti

  1. Ma non può essere Dakota Fanning, questa. Mi sembra diversa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti, è Dakota Johnson, l'attrice delle 50 sfumature xD

      Elimina
    2. ho visto adesso, e ho corretto, scusa il lapsus xD

      Elimina
    3. Ah ecco, non era davvero lei! Già pensavo che ci fossero di mezzo degli interventi chirurgici per cui non la riconoscevo più! :D

      Elimina
    4. sicuramente ero strafatta di caffè per pensare lucidamente :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.