Passa ai contenuti principali

Riguarda & Recensisci - Senti Chi Parla

Da piccola adoravo John Travolta, e l'ammirazione verso questo attore è durata per tutto il resto della mia vita.
Ieri girando per il saloon dell'amico Ford, mi sono incappata nella recensione di uno dei film che avrò visto centinaia se non migliaia di volte, pur vedendo Misfits, decisi di metterlo in pausa per rivedere il film.
Così l'ho recuperato, nonostante il passare del tempo, ormai quasi trent'anni dalla sua uscita, posso dire che è ancora divertente con delle scene che fanno sbellicare, come quella di Mickey che piange in continuazione per avere il biberon, di Molly che cerca il perfetto papà per lui, non sapendo che ce l'ha prorio a portata di mano con James, che si affeziona al piccolo e l'ha pure visto nascere.
Senza contare il vero papà di Mickey, che ha abbandonato Mollie per la sua arredatrice e che dimostra tutto il suo egoismo.
Alla fine tutti i nodi verranno al pettine.
Anzi...da sottolineare che questo per me è un film ormai storico e che ho sempre guardato con piacere, anche per la bravura di Paolo Villaggio nel dar voce al piccolo Mickey, sia quando è un piccolo spermatozoo, fino a compiere un anno.
Il film comincia con l'ovulo di Mollie che si annida in attesa dello spermatozoo, che arriva subito con Albert che fa l'amore con lei sulla scrivania...ma Albert è un donnaiolo che mette le corna alla moglie bulemica non solo con Mollie ma con altre donne, e che parla sempre di lei e dei suoi figli ogni cosa che Mollie fa e azione che commette.
Certo il mio parere per questo film è affettivo, quindi non sarò la classica dura critica cinematografica anche perché sarebbe un peccato storcere il naso davanti a uno dei film che mi ha fatto divertire dai sedici diciassette anni in su.
Per me si tratta di un film che mi ricorda gli anni spensierati in cui passavo tempo con mio fratello nella camera da letto di mia madre a guardare film, gli anni verdi della mia cinefilia, per questo ci sono così affezionata.
Credo che la generazione nata dalla metà degli anni settanta in giù, questo film rappresenti un piccolo cult imprescindibile per i ricordi d'infanzia e perché no, anche dell'adolescenza.
Mi ha fatto piacere rivedere questo film davvero.


Commenti

  1. Non dirlo a nessuno, ma anch'io conservo gelosamente il dvd e quando nessuno mi vede...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.