Passa ai contenuti principali

Riguarda & Recensisci - Senti Chi Parla

Da piccola adoravo John Travolta, e l'ammirazione verso questo attore è durata per tutto il resto della mia vita.
Ieri girando per il saloon dell'amico Ford, mi sono incappata nella recensione di uno dei film che avrò visto centinaia se non migliaia di volte, pur vedendo Misfits, decisi di metterlo in pausa per rivedere il film.
Così l'ho recuperato, nonostante il passare del tempo, ormai quasi trent'anni dalla sua uscita, posso dire che è ancora divertente con delle scene che fanno sbellicare, come quella di Mickey che piange in continuazione per avere il biberon, di Molly che cerca il perfetto papà per lui, non sapendo che ce l'ha prorio a portata di mano con James, che si affeziona al piccolo e l'ha pure visto nascere.
Senza contare il vero papà di Mickey, che ha abbandonato Mollie per la sua arredatrice e che dimostra tutto il suo egoismo.
Alla fine tutti i nodi verranno al pettine.
Anzi...da sottolineare che questo per me è un film ormai storico e che ho sempre guardato con piacere, anche per la bravura di Paolo Villaggio nel dar voce al piccolo Mickey, sia quando è un piccolo spermatozoo, fino a compiere un anno.
Il film comincia con l'ovulo di Mollie che si annida in attesa dello spermatozoo, che arriva subito con Albert che fa l'amore con lei sulla scrivania...ma Albert è un donnaiolo che mette le corna alla moglie bulemica non solo con Mollie ma con altre donne, e che parla sempre di lei e dei suoi figli ogni cosa che Mollie fa e azione che commette.
Certo il mio parere per questo film è affettivo, quindi non sarò la classica dura critica cinematografica anche perché sarebbe un peccato storcere il naso davanti a uno dei film che mi ha fatto divertire dai sedici diciassette anni in su.
Per me si tratta di un film che mi ricorda gli anni spensierati in cui passavo tempo con mio fratello nella camera da letto di mia madre a guardare film, gli anni verdi della mia cinefilia, per questo ci sono così affezionata.
Credo che la generazione nata dalla metà degli anni settanta in giù, questo film rappresenti un piccolo cult imprescindibile per i ricordi d'infanzia e perché no, anche dell'adolescenza.
Mi ha fatto piacere rivedere questo film davvero.


Commenti

  1. Non dirlo a nessuno, ma anch'io conservo gelosamente il dvd e quando nessuno mi vede...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.