Passa ai contenuti principali

CineClassics - Marty, Vita di un timido

Dopo tanto tempo, torna la rubrica Cineclassics con un film che definire particolare è già un eufemismo, ma che già sin dal protagonista, un uomo dalla grossa stazza, timido ma di buon cuore che non ha trovato ancora moglie, e che tutti gli tirano le orecchie perché ancora a 34 anni vive con la madre.
L'imprevisto è ovviamente dietro l'angolo, e l'occasione per Marty di trovare finalmente l'amore si presenta una sera, che segue un suo amico ad un party per far contenta sua madre, lui che brontolava per il fatto che siccome è brutto nessuna lo vuole, ma è proprio così?
Si può dire che una ragazza timida, che viene mollata dal suo accompagnatore per seguirne un altra sia l'occasione giusta per Marty di approcciarla, e ci riesce.
I due passeggiano insieme e non fanno che parlare subito dopo il party, lei si chiama Clara e fa l'insegnante, ovviamente amici e parenti hanno sempre da ridire, e nonostante tra i due sia scoccata la scintilla, la madre pensa che sia una ragazza di facili costumi, gli amici lo invitano ai loro festini per fare sesso, e sollazzarsi con ragazze disponibili, lui non sa cosa fare, e allora si rinchiude nel suo riccio.
A complicare il tutto c'è anche la zia, che è venuta a vivere con lui e la madre perché non va d'accordo con la nuora...
Ben presto però Marty scoprirà che la strada del suo cuore porta dritto da Clara...
Il mio parere su questo film, senza dubbio si tratta di uno di quei film che ti conquistano il cuore a primo colpo, ma che, naturalmente, sottolinea anche quanto impiccioni sono gli altri, i parenti, gli amici, e i clienti della macelleria dove lavora il nostro eroe.
Un piccolo esempio di un omone grande e grosso ma dal cuore tenero e semplice, che cerca in tutti i modi la sua strada e la trova nella ancora più tinida di lui insegnante, mollata dal suo amico, la lezione di questo film non è seguire gli altri e il loro punto di vista, ma seguire il proprio cuore, e bisogna tenerlo a mente, perché la gente vuole sempre avere da ridire su tutto, se sei scapolo, allora si lamentano che non hai moglie, se trovi una donna di cui ti innamori, gli amici si lamentano perché non possono andare a sollazzarsi, i parenti credono che sia una puttana...insomma...ma fatevi i fattacci vostri no?
Alla fine lui capirà che la sua casa è proprio Clara, e da lei tornerà.
Film che potremmo definire una fiaba, ma caspita se mi ha conquistata, l'ho adorato dall'inizio alla fine, e spero ben presto di rivederlo di nuovo, intanto in conclusione, vi invito a vederlo, e sono sicura che conquisterà pure voi.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.