mercoledì 19 maggio 2010

Bagdad Cafè


Questa è la storia dell'arrivo di una donna abbandonata dal marito in un piccolo caffè quasi abbandonato la cui macchina per fare il caffè è sempre guasta e la padrona sembra essere burbera, l'arrivo dell'eccentrica tedesca Jasmine non piace a Brenda, che sembra immischiarsi nella sua vita e nel suo lavoro portando ordine e pulizia, ma ben presto Brenda cambierà idea non appena si accorgerà quanto Jasmine abbia cambiato in bene la sua vita e le abbia dato la cosa più importante per un essere umano l'amicizia, tutte e due infatti sono state abbandonate dal marito, e non appena anche Brenda si accorge di questo inizia a prenderla in considerazione, perchè Jasmine ha conquistato sua figlia e il suo bambino, e il bagdad cafè diventa famoso sia per la presenza di Jasmine che per i numeri di illusionismo che fanno per intrattenere il pubblico, la vita di Brenda e del suo sordido locale non sarà più la stessa, Percy Adlon dirige uno dei film più belli degli anni ottanta che ha come protagonista la tata de la guerra dei roses, si lei e cch pounder, in questo film peraltro sono bravissime, ma c'è una metafora di mezzo in questo film che ho alluso durante la visione, la percezione che la prima apparenza non è mai quella giusta, infatti se prima a Brenda non piaceva per il modo in cui vestiva o si comportava Jasmine, quando si accorge che tutti sono rimasti conquistati da lei ne si rende conto che Jasmine è si un tipo eccentrico ma ha in se il dono di averle dato il calore del quale aveva bisogno, grandiosa la colonna sonora con la magnifica calling you, che è diventata una delle canzoni più famose, il film è anche la straordinaria metafora che l'amicizia non conosce confini nè colori, assolutamente da vedere...

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...