Passa ai contenuti principali

Il Pranzo di Babette

Questa è la storia di Babette, una cuoca francese venuta a servire due sorelle, figlie di un pastore protestante mandata da un tenore precedentemente infatuato di una delle sue sorelle, arriva in Danimarca perchè è scappata dalla francia perchè l'accusano di essere una Communard, Babette resterà per quattordici anni in casa delle due sorelle a fare da governante, finchè non arriva la grossa vincita di 10.000 franchi, le sorelle credendo che li userà per tornare in francia, rimarranno sorprese nell'apprendere che il pranzo da lei organizzato è stato organizzato e pagato da lei stessa, film dolcissimo tratto da un racconto di Karen Blixen e premiato come miglior film straniero agli oscar, è il racconto di come si può trovare una dimora e degli affetti anche se le persone che ti vivono accanto non sono tuoi consanguinei, Babette e il suo pranzo hanno il preciso scopo di dimostrare il suo affetto a quelle persone che amorevolmente l'hanno ospitata per così tanto tempo, la cosa che più stupisce è il valore dell'altruismo, in cui i soldi spesi di Babette per il suo lavoro, e dico tutti i soldi ovvero dieci mila franchi per celebrare la ricorrenza e il ricordo del loro padre, per lei sono stati una festa, in cui ha festeggiato con tutti gli ospiti quasi come se lei stessa appartenesse alla famiglia, e non si sentiva una governante o una cuoca, ma un membro, quella era la sua famiglia, e non c'è niente che ti possa scaldare il cuore di un piatto fatto con tutto l'amore possibile e l'altruismo, Il pranzo di Babette è un opera tra le più calorose che ho visto, perchè nella vita non conta il denaro, la stessa Babette dice dopo che le sorelle hanno saputo che aveva speso tutti i soldi per il pranzo, un artista non è mai povero, questo vuol dire che ha acquistato una ricchezza che l'accompagnerà per tutta la vita. Magistrale.

Commenti

  1. Questo film mi ha sempre suscitato curiosità e diffidenza. Dovrò decidermi a vederlo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.