Passa ai contenuti principali

Wall Street

Benvenuti nell'america degli anni ottanta, dove conta solo il denaro ma soprattutto l'avidità umana, Oliver Stone dirige la sua pellicola manifesto di una generazione di Rampanti Broker il cui unico credo è quanto si può guadagnare, in barba a qualsiasi legge o regola, è quello che succede a Bud Fox interpretato da un giovane Charlie Sheen, che qui recita anche con suo padre Martin, ma è il personaggio di Gordon Gekko il vero punto cardine del film, Gekko che è magistralmente interpretato da un Michael Douglas rappresenta il classico arrampicatore sociale senza scrupoli, che quando si tratta di far soldi non guarda in faccia nessuno, ed è proprio a Gekko che il giovane Bud Fox si ispira e in cui entra nelle sue "grazie", diventando ben presto uno dei broker più famosi e ricchi di Wall street, ma ogni cosa ha il suo prezzo, sarà proprio il padre di Bud ha fotografare la vera personalità di Gekko, durante un party a casa sua, mentre il figlio è diventato grazie alle sue mani secondo il suo parere una pedina di un gioco più grande di lui, è la speculazione bellezza, quando si tratta di far soldi non si guarda in faccia nessuno, da sottolineare anche la scena che reputo migliore del film, lo scontro tra Bud e suo padre dopo il party, in cui il padre gli fa notare certe cose fondamentali nella vita degli uomini, e il figlio rivela tutta la sua ingenuità, ma alla fine capirà ciò che il padre gli voleva dire, e imparerà la lezione proprio giocando d'astuzia per salvare l'azienda in cui lavora il padre, dato che Gordon lo aveva fregato si mette in linea nemica, o meglio con l'antagonista di Gordon, Oliver Stone dirige uno dei suoi film più spietati nel descrivere l'avidità umana ma anche la vita nel suo insieme, alla fine Bud perderà anche Darien (di cui è l'amante segreta di Gordon ma il ragazzo non lo sa) ma avrà una ricchezza ben superiore a quella che il denaro può regalare, ha salvato il posto di lavoro di molta gente che rischiava di restare disoccupata grazie alla speculazione che Gordon voleva fare. Da vedere.

Commenti

  1. Bello questo film, l'ho appena visto, in preparazione per il sequel che vedrò al cinema mercoledì sera (e che recensirò prontamente).
    Certo che ne è passato di tempo dalla Darryl Hannah di questo film e quella di Kill Bill!

    RispondiElimina
  2. si è passato tanto tempo, ora la Hanna è passata da kill bill ai film con Boldi, che balzo all'indietro hahaha, cmq come attrice non mi è mai piaciuta tanto però in Kill Bill è veramente brava :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.