Passa ai contenuti principali

Burlesque

Per l'esordio cinematografico di una popstar a tutto si pensa, che sia una boiata pazzesca, (vedi i disastri di Britney Spears e Mariah Carey), che sia un polpettone facile facile etc etc etc...
Christina Aguilera invece punta su un musical e vince, si perchè Burlesque è un piccolo delizioso film  che ti cattura dall'inizio alla fine, ed è anche brava a recitare, accanto a lei ritroviamo una bravissima Cher che le fa da spalla e sembra quasi siano complici e mattatrici in una delle migliori pellicole uscite quest'anno, c'è un pizzico di pepe, un pizzico di rivalità femminile, un pizzico di sensualità e un pizzico di gioia, è tutto amalgamato bene, le scenografia, i costumi, i balletti, sono ben costruiti e ben fatti, tutto sembra apposto per piacere al pubblico e ci riesce in pieno, qualcuno potrebbe pensare sia un tentativo di lanciare la Aguilera al cinema e basta, e invece è proprio la semplicità dello script e la bravura degli attori tra cui spicca anche un cameo di Alan Cummings e un Stanley Tucci che regala qualche momento di ilarità che conquista che non si perdono mai negli stereotipi la chiave del successo del film, dopo stagioni di musical dimenticabili Burlesque sembra una ventata d'aria fresca in questa stagione cinematografica.
La Storia è molto semplice, la classica ragazza che scopre un locale di Burlesque, ma non riesce subito a fare la ballerina, ma comincia dal basso diciamo per arrivare in alto, ci arriverà diventando la prima ballerina del locale e salvandolo dalle grinfie di un cattivo che vuole speculare sulla carriera di Ali (la Aguilera) e sul terreno del locale gestito da Tess (Cher), vi consiglio di vederlo perchè nonostante la trama banale, merita di essere visto perchè vi assicuro che il divertimento è assicurato, nonostante la Aguilera sia una popstar prestata al cinema che a confronto di altre sue college dimostra di saper stare davanti alla cinepresa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.