Passa ai contenuti principali

Shadow - L'ombra

Federico Zampaglione ritorna al cinema, e lo fa con una pellicola che è una lenta e inesorabile discesa negli inferi del peggior incubo che può capitare a un essere umano, girato interamente in inglese, è la storia di un reduce della guerra dell'iraq, che decide di rilassarsi per ricominciare a vivere tranquillamente e dimenticare gli orrori della guerra, ma non andrà così, ben presto si ritroverà faccia a faccia con un pericoloso killer sadico che comincierà una lenta e agognosa tortura a lui e a due balordi che all'inizio cercano di fargli le scarpe..Zampaglione si ispira strizzando l'occhio ad alcuni classici horror americani, prendendo spunto anche da Mario Bava, dirigendo una pellicola con chiare ispirazioni a non aprite quella porta di Tobe Hooper, una pellicola ispirata, ben diretta, originale, che ci ricorda la grandezza anche di certi horror di casa nostra, che ormai neanche il grande Dario Argento (da giovane erede di Mario Bava) riesce a concepire, che sia rinata l'era dell'horror italiano? Nonostante l'esordio con una commedia nera - nero bifamiliare protagonista la compagna Claudia Gerini - Shadow sua seconda opera è di gran lunga migliore, una pellicola ottima, effetti ottimi, agghiaccianti direi, e un senso di panico che non lascia mai lo spettatore, mi aspettavo qualcosa di turculento, che fortunatamente non è avvenuto, invece Zampaglione ha scelto l'effetto psicologico, giocando sulle paure dello spettatore,  e secondo me ha fatto bene, la telecamera ora chiara, poi più scura a sottolineare il senso di angoscia del protagonista
fino a risucchiare nell'incubo persino lo spettatore, il grande pregio del film è che non cade mai nel ridicolo o nel già visto, ma nonostante le chiare ispirazioni riesce ad essere molto personale, avendo una sua individualità, e giocando sottilmente creando una suspence, e facendo credere allo spettatore chissà quali scene impressionanti si vedono, in conclusione una pellicola tutta da scoprire e da vedere, consigliatissimo, vorrei sottolineare anche che quelle sensazioni che ho provato se le provate anche voi durante la visione, poi mi dite.

Commenti

  1. bene! è piaciuto anche a me ed è stato un piacere commentare un film italiano di questo tipo e qualità, finalmente.
    cinema da incoraggiare!
    ciao

    RispondiElimina
  2. Grande film anche per me, ci voleva un cantante per resuscitare l' horror italiano. Saluti

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.