Passa ai contenuti principali

The Burning Plain - il confine della solitudine

Sono Pochi i film che affrontano l'animo e la sensibilità femminile, e se questi pochi film sanno anche colpirti al cuore allora potete stare tranquilli di aver tra le mani un opera emozionante e interessante, parlo di  The Burning Plain opera prima di Guillermo Arriaga, con protagoniste la bravissima Charlize Theron e una sempre grande Kim Basinger, due donne, due mondi apparentemente lontani, c'è un legame tra loro? Gina, una donna che ha lottato per anni con il tumore, infelice, cerca conforto e affetto tra le braccia di un altro uomo, che sembra darle ciò che il marito da anni non riesce a dare, l'amore, l'affetto, inizia una storia tra loro, ma il film  inizia con Sylvia proprietaria di un ristorante, che passa ogni notte con un uomo diverso, quale legame esiste tra queste due donne? Come mai sembrano così uguali ma sono così diverse? Ben presto capiremmo che c'è molto più di un legame tra loro, Sylvia in realtà si chiama Marian, ed ha lasciato la figlioletta con il padre, quando era appena nata, lo spettatore capisce che Gina è morta mentre era tra le braccia del suo amante, è esplosa la roulotte dove si incontravano di nascosto, un incidente? Perchè Marian è scappata dal suo passato, quale segreto si cela nella sua vita? Sono queste le domande che ti poni mentre guardi il film.
The Burning plain è un opera notevolissima nonostante sia una opera prima, ben scritta, ma soprattutto ben interpretata sia dalla Basinger (che offre una grandissima interpretazione in confronto alla Theron mentre è in scena anche se loro due non recitano mai insieme) che dalla Theron, che non sfigura accanto al personaggio della Basinger, anzi fa un ottima figura, anche se la Basinger dimostra di essere + brava soprattutto quando rivela al suo amante che ha avuto il cancro, tremante, nella scena migliore del film qui si vede tutta la sua sensibilità e la interpreta con una tale naturalezza che sembra non stia recitando affatto, e qui sospettiamo che il marito non capisca oppure non si avvicina al suo dolore per la malattia. Magistrale

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.